What’s the difference between all the types of salt? (Part I)

QUAL’E’ LA DIFFERENZA TRA I VARI TIPI DI SALE? (parte 1)

Everyday when we go shopping at the supermarket we find various types of salt, and everyone of them got a different health properties. Many of us don’t even notice it, others think it’s just a marketing factor, many people don’t even care ..

But why does it matter to us? Is it really all about marketing?

In the past, even when I went shopping, I didn’t pay much attention to it. But with my work and the desire to know and learn more and more about health and food safety, one day I asked myself: why I always see on the shelfs the 0.20 cents per kilo salt and right next to it the 20 $ per kilo? Obviously, the choice always falls on the less expensive one. Let’s be honest, it is just salt that is used to give flavor to food. But is it really so? Let’s find out together the various differences between the salts that are on the market.

1- Persian Blue Salt

Rare salt with a mystical hue. Also called indigo salt, blue sapphire salt and Persian salt. This salt comes from the province of Semnan in northern Iran, where it is extracted in much the same way as miners dig for gold.

The blue colour of this Iranian salt comes from sylvinite, a potassium mineral, only present in the halite salts. They are normally pink and the blue colour is extremely rare. 

It is rich in calcium, magnesium, iron and potassium. As only a few tons are extracted per year, it’s one of the world’s rarest salts.

2- Himalayan Pink Salt

Pink Himalayan salt is a type of rock salt from the Punjab region of Pakistan, near the foothills of the Himalayas. It contains up to 96 percent sodium chloride and the rest of the salt consists of trace minerals, such as potassium, magnesium, and calcium. These give the salt its light pink tint.

The pink Himalayan salt harvested from this mine is believed to have been formed millions of years ago from the evaporation of ancient bodies of water. The salt is hand-extracted and minimally processed to yield an unrefined product that’s free of additives and thought to be much more natural than table salt.

Since Himalayan pink salt is nutritionally nearly the same as table salt, you can use it in cooking and other food preparation the same way you use table salt.

3- Fleur de Sel de Camargue

Hand-harvested from the sea’s surface in the South of France, Le Saunier de Camargue Fleur de Sel is a unique sea salt with a delicate taste and crisp texture. In French, the name translates as “flower of salt.” It’s delicate, flaky, and perfect for adding to dishes just before serving them.

It is produced by a process that is considerably more complicated. It involves collecting the thin layer of salt that rises to the surface of shallow pools of seawater along the coast of France, mainly but not exclusively in the Brittany region.  It’s a delicate, almost flaky salt. Additionally, this moisture content encourages the salt crystals to stick together on your tongue, causing the flavor to be perceived more intensely.

A few crystals of fleur de sel sprinkled over a dish add a burst of flavor, visual appeal, and even texture. It is very delicate and will quickly dissolve, so it really should be added to a dish immediately before serving. You’ll still taste it after it dissolves, but you won’t see it or feel its distinctive texture.

4- Hawaiian Green Salt

Hawaiian Green Bamboo Sea Salt is a delicate blend of freshly-harvested, white premium Pacific sea salt containing a tonic of naturally occurring mineral electrolytes and trace minerals. The clear, deep Pacific Ocean water is evaporated on locally owned salt farms on the island and centrifuged into a coarse crystal. No other salt is obtained from water as pure as this.

Entirely natural additives give the Hawaiian salt its various hues, which represent the characteristic colours of the landscape: green stands for the luscious vegetation, red for the clay and black for the islands’ volcanic origins.

It is ideal for Asian and Chinese dishes. A pinch of green Hawaiian salt on seafood conjures up the ocean breeze in both taste and appearance!

5- Murray River Pink Salt

These fragile and light salt crystals melt quickly and evenly; perfect as a finishing salt as the flakes dissolve readily on food. The pink salt – high in minerals which gives it a pink champagne tinge – has won numerous awards and is popular with foodies and chefs across the globe.

This salt is produced using the pristine mineralised brines from ancient saline aquifers of the Murray Darling basin. The stunning pale pink hue of the salt flakes is a result of the mineralised brines which are particularly high in magnesium, calcium, and to a lesser degree, potassium, and iodine. 


5- Kalahari Salt

Desert salt is made from the Kalahari desert’s ancient underground reservoirs and naturally dried in the sun. It is unrefined and contains many different trace minerals. It is very pure as it is from a remote location and won’t contain microplastics, because unlike seasalt it isn’t exposed to pollution.

It has all the essential minerals and trace elements that exist naturally in salt, including magnesium, zinc and potassium. It provides your body with the correct balance of these minerals, as nature intended, so they can be utilised and absorbed for optimal vitality and health.

6- Black Lava Salt

Hawaiian Black Lava salt is a delectable Pacific Ocean sea salt that has been imbued with rich black charcoal. Much like Cyprus black flake salt, it is unique and glamorous, and is a perfect addition to the pantry of any adventurous chef.

It is a combination of sea salt harvested from the Pacific Ocean surrounding the remote Hawaiian islands and activated charcoal derived from coconut shells. This gives it its distinct black colour. Salt harvested from the sparkling waters of the Pacific Ocean using traditional solar evaporation techniques has a light, crunchy texture.

The delicate texture and alluring colour of black lava salt make it perfect for use as a finishing salt. The coconut shell charcoal also imparts a subtle earthy flavour, which can add an interesting dimension to fish and meats. It is at its best when paired with pork, fish, eggplant, potatoes, sashimi, scallops, fruit, kale, buttered popcorn and avocado.  (thesaltbox.com)

7- Flower Salt Delta Ebro

It is a delicate salt hand harvested daily following traditional methods in the Ebro Delta Natural Park. It is hand harvested by skimming the very surface of the salt ponds, obtaining only the salt crystals formed on the top layer.

This salt contains significant amounts of calcium and magnesium salts, considered beneficial to health. In the process of collecting and packaging, no anti-humectants, caking agents, aditives are used, nor it is added iodine or fluorine. During the natural process of salt concentration by evaporation of sea salt till its crystallisation, the high concentration of salt per liter ensures that no bacteria can survive nor any other form of life.

Sea salt with a delicate flavor,a light and moist texture, and with a high mineral content, is used by chefs and gastronomy experts at the final preparation of food (salads, grilled meats, foie gras, chocolates, sweets, fish and vegetables) and also in the table. Less salt to be used than standard salt, because it is purer and dissolves easier in food juices or in mouth with easiness. (damune.com)

8- Atlantic Grey Salt

From the historical salt evaporation ponds of Guérande in Brittany, this sea salt is hand-collected using an ancient artisanal knowledge, very moist, rich in oligo-elements.

It has a pearl-grey colour, given by the clay soil of the salty lakes in which the crystallization happens. It gives the salt a high number of oligo-elements.

Grey salt has a texture that’s soft and flaky—not like the hard crystals of most sea salt. It also feels slightly damp to the touch. Flavor-wise, it tastes, well, salty, with a slight mineral tang. For that reason, grey salt tastes best when scattered across simple vegetable side dishes, such as sautéed green beans, broccoli, peas, asparagus, and corn

“Always remember: consuming too much salt may cause high blood pressure, stroke, and heart disease, which is why it should be eaten in moderation.”


Qual’e’ la differenza tra i vari tipi di sale? (parte 1)

Spesso quando andiamo a fare la spesa al supermercato troviamo vari tipi di sale, ognuno dei quali ha diverse proprieta’ salutistiche di ogni tipo. Molti di noi non ci fanno neanche caso, altri pensano sia solo un fattore di marketing, ad altri poco interessa..

Ma perche’ la cosa dovrebbe interessarci? E’ davvero tutta una questione di marketing?

In passato anche io quando andavo a fare la spesa, non ci facevo caso piu di tanto. Ma col mio lavoro e la voglia di conoscere ed apprendere sempre piu sulla salute e la sicurezza alimentare, un giorno mi sono chiesto: perche sui scaffali, al supermercato, troviamo il sale da 0,20 centesimi al kilo e subito dopo quello da 30,00 euro al Kilo? Ovviamente la scelta cade quasi sempre su quello meno costoso. D’altronde e’ soltanto sale che serve per dare sapidita’ e piu sapore alle pietanze. Ma e’ veramente cosi? Scopriamo insieme le varie differenze tra i sali che ci sono in commercio.

1- Sale blu di Persia

Si tratta di un sale naturale? Certo, il sale blu di Persia e’ del tutto naturale. E’ molto raro e la sua particolare colorazione è dovuta alla silvinite, minerale che normalmente si presenta di colore giallo o rosa e che soltanto rarissimamente prende la tonalità blu. Si caratterizza per una decisa sapidità ed un retrogusto speziato, leggero ma percettibile.

Non si tratta di sale marino ma di un sale roccioso, cioè viene estratto da un giacimento dove, tempo addietro, sorgeva un bacino idrico. Stiamo parlando dell’antico lago salato di Semnan, nell’attuale Iran ed il suo colore è legato alla presenza di cloruro di potassio.

Come il normale sale da cucina, il suo composto principale e’ il cloruro di sodio, ma contiene anche calcio, magnesio e potassio. Per questo motivo è sconsigliato a chi soffre di ipertensione arteriosa o chi vuole contrastare la ritenzione idrica. In cucina gli chef lo usano principalmente per salare pietanze molto pregiate, tipo frutti di mare o tartufo, ma non si limitano solo a quello.

2- Sale rosa dell’Himalaya

Il sale rosa dell’Himalaya e’ un sale che ha avuto grande successo negl ultimi anni tra le persone piu attente alla propria salute. Perche’?

E’ conosciuto anche come “oro bianco” ed è infatti di una risorsa molto preziosa. È ricchissimo di sali minerali, del tutto assenti nel sale normale che usiamo in cucina. Arriva dall’Asia, sui contrafforti dell’Himalaya, in strati geologici, dove un tempo giaceva un vasto oceano. È un sale fossile, risalente ad un’epoca in cui l’ecologia marina era priva da qualsiasi traccia d’inquinamento umano e la sua purezza è uno degli elementi che lo rendono unico al mondo.

Alcuni esperti sostengono che contenga circa 84 oligoelementi di cui abbiamo bisogno nelle esatte proporzioni e, non è raffinato, cioè non è trattato chimicamente in alcun modo, quindi incontaminato: quando viene estratto risulta puro proprio come quando si era depositato nel suolo migliaia di anni prima. Ha un gusto meno aggressivo del comune sale da cucina e non copre i sapori degli altri cibi, ma li accompagna e li esalta. Inoltre è completamente assimilabile dall’intestino, che riesce a digerirlo bene ed abbastanza in fretta. Tra i tanti benefici di questo sale, ricordiamo: accresce la forza delle ossa, riduce i crampi, promuove un equilibrio stabile del Ph a livello delle cellule, promuove la salute dei reni, favorisce un sonno migliore e regolare.

D’altra parte, diversi esperti sono intervenuti su questo argomento, tra i piu’ noti ricordiamo il chimico Dario Bressanini che nel suo blog scrive che “non esistono prove che questo sale abbia particolari proprietà ne’ sono mai state confermate da ricerche scientifiche. Anzi, è esattamente il contrario: gli articoli scientifici mostrano come il sale himalayano sia sostanzialmente identico a quello da cucina con degli svantaggi in più, la presenza di Cadmio e Nichel. Bressanini ci ricorda anche che nel 2003 l’Ufficio Bavarese per la salute e la sicurezza alimentare ha analizzato 15 campioni di questo sale concludendo che non vi è traccia degli 84 elementi che tanto vantano gli amanti di questo prodotto per promuoverne la sua salubrità rispetto al più comune sale da cucina. {fonte: greenme.it}.

3- Sale della Camargue o Fior di sale

Il Fior di Sale o Fleur de Sel nasce dalle acque marine incontaminate della Camargue, una zona umida e paludosa situata nel sud della Francia, nell’area tra il Mediterraneo e il Rodano. Questa zona è adatta alla formazione di fior di sale, avendo dei periodi in cui umidità e vento sono pressoché assenti.

E’ un sale puro ed integrale, ricco di minerali, e si forma solo in determinate condizioni climatiche: il fior di sale e’ il primo cristallo che si forma sulla superficie dell’acqua nelle vasche di evaporazione con condizioni atmosferiche dettate da umidità, salinità dell’acqua e vento..

Ha caratteristiche diverse dal comune sale fino da cucina. Si presenta piu umido ed opaco ed inoltre ha un gusto piu delicato. Viene raccolto a mano ed essendo particolarmente fragile e friabile, questo particolarissimo tipo di sale non viene raffinato e lavorato (lavaggio, essicazione), mantenendo quindi tutti i minerali che si ottengono con l’evaporazione dell’acqua marina. E’ molto apprezzato dagli chef di tutto il mondo: la sua particolare texture lo rende ideale per perfezionare i piatti esaltando la qualità degli ingredienti.

4- Sale verde delle Hawaii

Il Sale Verde delle Hawaii è un sale marino naturale, è tipico di tutto l’arcipelago hawaiano. E’ uno dei cosiddetti “sali decorativi“, in quanto si tratta di puro sale marino (in questo caso del Pacifico), che viene trattato con foglie di bamboo, pianta tipica del luogo, che viene aggiunto al sale al momento della sua essiccazione. Proprio questa caratteristica dona a questo sale un sapore fresco ed erbaceo, per cui se ne consiglia l’uso con vivande a base di verdure e/o di pesce.

5- Sale rosa del Murray River

Il sale rosa del Murray River viene prodotto a partire dall’acqua del fiume Murray, il più lungo fiume australiano. La colorazione rosa pallido è dovuta alla presenza di ioni di magnesio e potassio. I fiocchi di sale sono leggeri e delicati al palato, con un sapore decisamente elegante e rotondo. Per questo viene definito impalpabile.

Il fiume Murray-Darling è il più vasto dei fiumi dell’Australia. Questo sale è un prodotto naturale realizzato dalle salamoie che si creano nei cunicoli sotterrani di questo fiume, cunicole che hanno dei depositi salini ed arricchiscono l’acqua che scorre.

Consigliato per arrosti e cotture al forno, sia di pesce che di carne. Interessante anche accostato a piatti di verdure, frutta e dolci.


5- Sale del Kalahari

Proviene da due delle più grandi saline del mondo, Makgadikgadi, in Bostwana e Etosha, Namibia. Protetto da agenti esterni, il sale del Kalahari è apprezzato, in particolare per la sua purezza. Viene da depositi sotterranei naturali, che vengono pompati in superficie ed essiccati al sole, naturalmente. Un vero gioiello gastronomico offerto dal continente africano. 

Ha un  sapore fine e ricco di minerali e oligoelementi, inoltre, e’ privo di additivi.

Ha una sapidità media, è un sale equilibrato, elegante non aggressivo. Si può utilizzare in tutte le pientanze dalla carne al pesce e per insaporire le verdure.

6- Sale nero Black Lava

Ha grani grossi e di colore nero come pece. Ha un sapore amaro e netto di profumi, con note di affumicato e leggermente solforico, data la sua elevata presenza di elementi minerali di lava vulcanica e carbone attivo, dalle proprietà disintossicanti, che vengono aggiunti al sale al momento dell’essiccazione. E’ un sale marino che proviene dall’isola di Molokai, nelle Hawaii ed aggiunge profondità e complessità alle più raffinate creazioni culinarie.

Viene maneggiato delicatamente attraverso un lento e attento processo di evaporazione solare su pentole solari ermeticamente sigillate, di qualità alimentare, permettendo ai cristalli di sale di formarsi con i minerali in traccia e gli elettroliti intatti. Il colore nero ricco e profondo è dovuto all’aggiunta di carbone attivo ottenuto da gusci di noce di cocco bruciati.

Ottimo con pesce, crostacei, bistecche e verdure.

7- Fior di sale Delta dell’Ebro

Nella fertile valle dello Yakima, fiume dello stato di Washington, a ridosso delle coste del Pacifico, troviamo questo sale. Questa valle è famosa per la coltivazione di meli. Il legno di questi alberi, a sua volta, è utilizzato per affumicare il sale, procedura che velocizza il processo di essiccazione e che lo rende unico come sale per tutte le preparazioni alla griglia, in particolare per maiale e carni bianche.

8- Sale Grigio dell’Atlantico

Questo sale ha la caratteristica di non essere trattato tanto meno raffinato, e ciò consente di mantenere tutte le proprietà presenti in natura nel mare, non contiene conservanti, additivi e mantiene intatte le sue qualità nutrizionali.

La raccolta viene effettuata a mano da artigiani, e deve il suo colore all’elevato contenuto di magnesio presente nell’argilla, contenuta nei bacini da cui viene estratto, dove avviene il processo di cristallizzazione.

Ha un contenuto di sodio inferiore rispetto al comune sale bianco da tavola.  Per il suo colore e la consistenza, questo sale si sposa benissimo con tutte le ricette che prevedano una crosta di sale.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s