Pizza di scarole (escarole pie)

Pizza di scarole (escarole pie)

PIZZA DI SCAROLE (ITALIANO)

It is well known in the world that Italians love food and when there is a holiday to celebrate this love grows beyond measure! One of the things that I love that my mom and my grandmother always use to prepare for lunch on 24th of December, so on Christmas’s eve, was the pizza con la scarola, or escarole pie. Well I know that we are so far from Christmas and since we are in Australia there is food which we have had to give up. One of these is scarola, or endive. I am not talking about the “normal endive’ we can find here. I am talking about the escarole, the “curly one”. Here’s a picture of it.

I don’t understand if due to climatic differences or other circumstances it is very hard to find it. Or maybe is just because the bitter taste does not appeal to everyone.

Well. this morning everything changed. Pasquale and I got off very early because I had a job interview. We decided to take a walk in Haberfield, the Sydney’s Italian district, and buy some food. We went to the supermarket and as by magic we found it: the scarola! Happy as two children with their favorite toy we grab two beautiful batches dreaming that moment when we would bite our beloved pizza. (Also the endive is also a good match with salad or soups!) Anyway the recipe for the pizza is quite simply and it got a rustic look: a nice batch of scarola, garlic and olive oil, with ‘the works’—olives, capers, anchovies, pine nuts and raisins—laid between two layers of pizza dough and baked in a moderate hot oven for about 30-45 minutes, or until golden brown. It is literally mouth-watering!

Pizza di Scarole or Escarole Pie

  • Servings: Makes one pizza, enough to serve 4-6 as an appetizer or snack or as part of a buffet.
  • Difficulty: Easy
  • Rating: ★★★★
  • Print

This shortcrust pie is somewhere between sweet and savoury, so it’s good to have as a little afternoon snack.

  • 250 gr plain flour
  • 135 g of warm water
  • 6 gr fresh yeast ( or2 gr of dry yeast)
  • 5 gr of salt
  • 6 gr EVO
  • 3 gr of sugar

Prepare the dough by combining the water, yeast, the olive oil, and the salt in the work bowl of a standing mixer (or in a large bowl of your choice). Mix to combine the ingredients, add the flour and work the dough until comes away from the sides of the bowl and a smooth ball has formed. You may require less or perhaps more flour depending on the humidity that day. Hesitate from adding too much flour, the dough should be soft, smooth and supple. Place the dough in an large oil lined bowl, cover with a clean cotton kitchen towel and allow to rise for 4 hours at room temperature, cover it with a towel.

For the filling:

  • 3-4 curly endive, coarsely chopped
  • extra Virgin olive oil for oiling the pan and brushing over
  • 4 cloves of garlic, minced
  • 8 anchovy fillets, coarsely chopped
  • 1 small hot chili pepper, finely chopped
  • 150 gm black pitted olives
  • 100 gm of pine nuts
  • 100 gm raisins, coarsely chopped
  • 40 gr of capers, rinsed & drained then roughly chopped
  • Salt and pepper

First thing I do is to remove the leaves from the escarole heads, discarding any bruised or damaged portions and place in a sink or large bowl of cool water to wash away any signs of soil. Rinse well and remove to a large colander. Bit by bit I chop the escarole leaves into strips and then cut across the midsection to create smaller pieces. Set aside on a clean cotton kitchen towel. Meanwhile, heat olive oil in a large frying pan over high heat. Once the oil is hot I add the minced garlic, the chili and the anchovies. Reduce the heat and cook until nicely golden, stirring as necessary. Now add remaining ingredients: black olives, pine nuts, capers and raisins. and cook for several minutes insuring that it does not burn. Add curly endive and stir occasionally until wilted (1 minute). Reduce heat to low and cook, covered, for flavours to infuse (5-10 minutes). Season the mixture with salt and freshly ground black pepper and strain through a sieve to remove excess liquid, cool completely.

Meanwhile we’re waiting for the raising time of the dough (4 hours are very long time)… we are having lunch and Pasquale prepared a stuffed red pepper or peperone ripieno. Yummy in my tummy! (it will be the next recipe I swear 🙂 )

Ok, let’s back to work. Using the olive oil, grease a 14 inch by 2 inch baking pan well – a little extra olive oil on the bottom of the pan will help the dough brown. Preheat the oven to 400ºF or 200ºC. Punch down the risen pizza dough and knead briefly on a lightly floured counter top to expel all of the gasses. Divide the dough into two balls, one a bit larger than the other. Take the larger of the two dough balls, place on a lightly floured surface and begin to stretch by hand or with a rolling pin. Fold the rolled circle of dough into a quarter piece of folded dough and place it into the greased pan, unfolding it to line the pan and sides. Gently position the dough into the corners of the pan, allowing the excess dough to overhang the edges. Fill the pan with the cooked and cooled escarole mixture and gently place the 12 inch circle of dough over the filling. Trim the overhanging dough with a scissors so that the excess is equal around the perimeter of the circle. Turn the trimmed edge of the dough into the pan to create a crust around the inside rim. In doing be sure that the edges of the pie are sealed. Using a sharp knife, cut three or four holes in the center of the top to allow excess steam to escaped during the baking process, brush the top and edges of the dough with a bit of the olive oil.

Before baking wait 30 minutes so that all the ingredients settle down. Cook for about 35 minutes or until crispy and brown. The crust should shrink away from the sides of the pan and be nicely browned. Remove from the oven and allow to cool for at least 15 minutes before serving.

Pizza di scarola can be eaten hot, warm or at room temperature. A good pizza.. a jump into the past: celebration, tradition, family, love. Yes, because that’s what pizza is: love! Enjoy!


Pizza con Scarole

E’ risaputo nel mondo che noi italiani amiamo il cibo e nel momento in cui si deve celebrare una ricorrenza, questo amore cresce a dismisura! Le preparazioni iniziano giorni prima e, cosi come vuole la tradizione, ci si mette ai fornelli. Una delle cose che adoro, che mia mamma e mia nonna preparavamo sempre il 24 dicembre a pranzo, per non saziarsi eccessivamente in attesa della cena, è la pizza con le scarole.

Non siamo in periodo di feste certo, ma da quando siamo in Oceana ci sono alimenti ai quali, mio malgrado, abbiamo dovuto rinunciare. Uno tra questi la scarola liscia, o riccia. Non capisco se a causa di differenza climatiche (ma in Australia c’è un clima tropicale con inverni davvero miti), o la difficoltà di vendita perchè forse il gusto amarognolo non piace a tutti, trovarla nei mercati è impossibile.

This image has an empty alt attribute; its file name is img_9021.jpeg

Stamattina la rivelazione: io e Pasquale siamo scesi molto presto perche io avevo un colloquio di lavoro (incrociamo del dita) e abbiamo deciso di fare una passeggiata ad Haberfield, il quartiere Italiano, per comprare delle cosette e nel banco ortofrutta di un supermercato noto per la varietà di prodotti italiani, appoggiata in cima come da protagonista c’era lei, la scarola riccia. Felici come due bambini senza neppure parlare, ci siam tuffati per agguantarne due bellissimi cespi immaginando già il momento in cui avremmo addentato la pizza, perche’ certo anche se la scarola è perfetta cruda nell’insalata o per buonissime minestre, da perfetti Campani, deve essere usata per fare la pizza, anche se non è la vigilia di Natale!

Pizza di Scarole

  • Servings: 1 pizza da 26 cm
  • Difficulty: Facile
  • Rating: ★★★★
  • Print

Si tratta di un rustico davvero semplice nella realizzazione: due strati di pasta di pane racchiudono il ripeno di scarola cotto in precedenza in padella con olive nere, aglio, acciughe, pinoli, uva passa e peperoncino. C’è da leccarsi i baffi letteralmente!

Per la pasta:

  • 250 gr di farina
  • 135 gr acqua tiepida
  • 6 gr lievito birra o 2 gr di lievito secco
  • 5 gr sale
  • 6 gr olio extravergine di oliva
  • 3 gr di zucchero

L’impasto è la prima cosa che vado a realizzare perchè avrà bisogno di lievitare per almeno 4 ore. Sciolgo il lievito nell’acqua con lo zucchero e lascio riposare per 5 minuti. Aggiungo il sale alla farina, quindi l‘acqua con il lievito e lo zucchero e impasto per 10 minuti, trascorsi i quali aggiungo l’olio e lavoro fino ad ottenere il solito panetto liscio ed elastico. Lascio riposare in una ciotola che coprirò con della pellicola per 4 ore a temperatura ambiente.

 Per il ripieno di scarola: qui entra in gioco Pasquale e non parliamo più di musirazioni precise ma del conosciuto e da me odiato quanto basta (Q.B.) che si contrappone  alla mia formamentis da pasticcere…

  • 3-4 cespi di scarola
  • 4 spicchi d’aglio, finemento tritato
  • 8 filetti di acciughe, tritate grossolanamente
  • 1 peperoncino fresco baby, finemente tritato
  • 150 gr di olive nere, tritate grossolanamente
  • 100 gr di pinoli
  • 100 gr di uvetta, tritati grossolanamente
  • 40 gr di capperi (sciaquati per privarli del sale ed asciugati), e grossolanamente tritati
  • q.b. sale
  • q.b. olio di oliva
  • q.b. pepe nero

La prima cosa che faccio, dopo aver accuratamente lavato la mia scarola, e’ darle una prima cottura in una casseruola bella grande in modo da farle perdere l’acqua in eccesso. Ci vorranno 5 minuti girando di tanto in tanto. In una padella molto capiente faccio soffriggere  l’aglio, il peperoncino e le acciughe che ho  già tritato. Lascio insaporore e aggiungo le olive, i ponoli e l’uvetta ed infne la scarola con una parte dell’acqua di cottura. Lascio cuocere in padella a fiamma moderata per 5 minuti e aggiusto di sale e pepe, senza esagerare, ricordatevi che ci sono già capperi ed acciughe! Credetemi c‘è un profumo in casa  davvero invitante. Terminata la cottura della scarola la lascio raffreddare.

4 ore sembrano tante… noi pranziamo e Pasquale ha preparto un peperone ripieno (sarà la prossima ricetta). Oh mamma, un lunedi all’insegna della tradizione.. e la dieta? Ma si, lunedi prossimo 😉 !

L’impasto è pronto e lo stendo usando poca farina sul piano di lavoro. Lo divido in due parti, una piu grande di un terzo che inizio a lavorare con l ‘aiuto del mattarello; stendo non troppo sottile fino a ricoprire il diametro della tortiera. Io ne ho scelto una da crostate che ho imburrato leggermente. Creata la base, la foro con una forchetta e inizio a farcirla con le scarola, facendo attenzione ad eliminare la parte liquida rilasciata.. che tentazione vorrei mangiarle tutte… finito il ripieno, condisco con un pò di olio extravergine e stendo la parte piccola dell’impasto sovrapponendola alla scarola. Ripiego i bordi della torta e con una forchetta li schiaccio leggermente, spennello con un pò di olio in modo da avere un crosta più croccante ed un colore omogeneo e sempre con la forchetta faccio dei buchetti per aiutare l’ umidità della scarola ad uscire durante la cottura.

L’ultomo sforzo: prima di infornare aspetto 30 minuti in modo che tutti gli ingredienti si assestino, e l’impasto lieviti ancora un po’. Preriscaldo il forno a 200 gradi e cuocio per circa 40 minuti, ma sappiamo bene che  il tempo è indicativo e può variare da forno a forno.

Il profumo della pizza.. un salto nel passato: la  festa, la tradizione, la famiglia, l ‘amore. Si ecco cos’è: l’amore.

Pavlova

Pavlova

PAVLOVA (ITALIANO)

There are plenty of tasty and fulfilling recipes you can bake. Also, there are many desserts which we don’t know the origin.

Let’s talk about Pavlova. It has been a long standing battle between Australia and New Zealand as to who invented the pavlova.

“The Oxford English Dictionary may have settled a long-running argument between Australia and New Zealand over who invented the pavlova”, BBC declares. “The dessert was named after the Russian ballerina Anna Pavlova, who visited both countries in the 1920s. Australians and New Zealanders agree on that, but not on who invented it.”

After many investigation, the first known recipe was found in a New Zealand cookbook ‘Davis Dainty Dishes’ in 1929. In fact, this was a whole six years before the first pavlova recipe appeared in Australia, so it seems the Kiwis had first dibs after all. Well done New Zealand! 🙂

If there’s one thing we can all agree on, it’s the irresistible deliciousness of the meringue-based dessert. Let’s put all the stiff-peaked competition behind us. Who knows, who cares, as long as we can eat it!

Light and elegant, it takes the name from the Russian dancer Anna Matveyevna Pavlova, famous during the 1900s for her gracefulness and passion for long white shawls and her most beautiful interpretation of Swan Lake.

The history says that a chef at a hotel in Wellington in New Zealand created a dessert dish for Anna when she visited there in 1926 on her world tour. The hotel chef was inspired by her white tutu. While travelling from Paris to The Hague, Anna became very ill. She was told that she had pneumonia and required an operation. Because of that she would never be able to dance again.

If I can’t dance, then I’d rather be dead.

Anna Pavlova

She died of pleurisy, in the bedroom next to the Japanese Salon of the Hotel Des Indes in The Hague. When the chef heard the bad news, he decided to dedicate a dessert to his lost sweetheart that would remember her: a light and crunchy meringue, hard as the tips on which Anna danced but soft and light inside, like her heart. White like the color she loved, stuffed on the top by a touch of red as a symbol of the disease that tore her life. Such a romantic and dramatic love story!

A true classic in New World patisserie, Pavlova is usually topped with whipped cream and fresh seasonal fruit, making the perfect summertime dessert. Very simple to make, it is not just a simple meringue. In the recipe we find the white vinegar (believe me, the pavlova will not taste like vinegar) that helps the egg whites hold onto air and, like the sugar, helps prevent the egg whites from collapsing. We also find the corn starch which makes the center fluffier and more marshmallow-y.

Now let’s see how to make this delicious dessert and be sure of:

  • Use egg whites at room temperature and make sure they are as fresh as possible;
  • Whisk and any spatulas etc. are also squeaky clean;
  • Have everything ready. When you start mixing the pavlova, you can not stop, unless there is a fire!

Pavlova

  • Servings: 6
  • Difficulty: easy
  • Rating: ★★★★
  • Print

Ethereally light, crisp on the outside, and marshmallowy on the inside, my Pavlova recipe is as simple as it is stunning.

INGREDIENTS: (about 6 pavlova 8cm large)

  • 150 gr egg whites (about 5 eggs)
  • 140 gr of caster sugar
  • 12 gr of cornstarch
  • 8 gr of white vinegar
  • 140 gr icing sugar

Put the egg whites in the mixing bowl with a balloon whisk. Start whisking on low speed until the egg whites start to form large and become foamy. Continue whisking on medium speed and start adding the sugar one tablespoon at a time. Please, be patient, it can take as long as 7 minutes. Add the vinegar, the cornflour and whisk them with the help of a spatula. Then it’s time to use the icing sugar. Add it into the bowl and continue to whisk for 30 seconds until incorporated and thick and glossy.

Preheat the oven to 120 Celsius degrees (250 Fahrenheit). Pipe meringue 3 to 3 1/2 inches wide onto the parchment paper using. Place in the oven for 15 minutes for the crust (not more otherwise the meringue will become dark). Knock the oven down to 90 Celsius degrees (195 Fahrenheit) and continue to cook for a further 35 minutes. Remove from the oven and allow to sit until it reaches room temperature. Once cool, you can top them with whipped cream and fruit or store in an airtight container for 3-5 days at room temperature (in a low humidity place). The fruit toppings for pavlova are endless. Use your imagination! 🙂

I like to eat my Pavlova with chantilly cream and some seasonal fresh fruit. Here’s my chantilly, very easy to make:

  • 250 gr of fresh cream
  • 60 gr of icing sugar
  • Vanilla bean ( or vanilla paste)

Whip the cream with the vanilla seeds and add the sugar 1 tbs at time. Very easy.

Another version that i really like is the banoffee pavlova. Banoffee pie meets Pavlova in this delicious dessert recipe. It is pure indulgence. Bananas are the star ingredient, and it is sure to impress any guest! Follow this step for the banoffee caramel:

  • 250 ml water
  • 450 gr caster sugar
  • 120 gr cream
  • 3 bananas chopped
  • 1 vanilla bean (or 2 teaspoon of vanilla paste)
  • plus 1 banana (for bruléed banana)

Let’s start. Combine the water and the sugar in a saucepan. Bring to the boil and let it caramelize over 8-9 minutes without stirring. While this is happening, combine the bananas, vanilla and cream in a jug blender. Process until smooth.

Once the caramel has been made, add the banana mix and stir well. Cook for another minute and cool completely before use it. For the bruléed bananas, peel one banana and halve it lengthways then place on a tray lined with foil. Scatter over the caster sugar then use a blowtorch to scorch the top. Set aside to cool and Enjoy!


Pavlova

In pasticceria sono tanti i dolci di cui è difficile stabilire l’origine. Più il dessert ha successo ed è popolare e più sono le persone che se ne contendono la creazione. Australia e Nuova Zelanda sono le protagoniste di una “dolce battaglia” per il riconoscimento della paternità della Pavlova.

Un guscio croccante di meringa che racchiude un cuore morbido come un marshmellow, la dolcezza della chantilly alla vaniglia e l’acidità dei frutti rossi danno vita ad un dessert fresco che ricorda molto l’estate. In Australia è il dolce della festa: non può mancare a Natale o durante i festeggiamenti dell’Anzac Day. Ma la sua origine viene attribuita alla Nuova Zelanda.

Leggera ed elegante prende il nome dalla ballerina russa Anna Matveyevna Pavlova, famosa durante il 900 per la sua leggiadria e per la passione per i lunghi scialli bianchi, arricchiti di perle e di chiffon. Sua la più bella interpretazione de Il lago dei Cigni.

Il dessert fu creato da un pasticciere quando la prima ballerina soggiornò durante una tournée in un albergo di Wellington. Quando Anna rientrò in Europa, lo chef cadde in depressione, ma continuo’ pur sempre a lavorare. Solo dopo cinque lunghissimi anni, venne pubblicata sui giornali la tragica notizia: Anna Pavlova era morta di polmonite.

“Se non posso danzare allora preferisco morire.”

Anna Pavlova

Appresa la notizia, lo chef, affranto, decise di dedicare alla sua innamorata perduta un dessert che ne ricordasse le caratteristiche: una meringa leggera e croccante, dura come le punte sulle quali Anna danzava ma morbidissima all’interno come il suo cuore, bianco, come il colore che amava algido ed elegante al tempo stesso, il tutto farcito sulla cima da un tocco di rosso come simbolo della malattia che le strappò la vita. Una storia d’amore, tanto romantica quato drammatica.

Un vero classico nella pasticceria del Nuovo mondo, la Pavlova viene servita accompagnata ad ogni sorta di frutto stagionale e i più golosi non esitano ad accompagnarla con del cioccolato o del caramello. Semplicissima da realizzare, non è una semplice meringa dato che nella sua ricetta troviamo l’aceto, artefice della sua morbidezza e l’amido di mais da cui dipende la croccantezza e la tenuta della forma. Un piccolo trucco da tenere bene a mente è usare albumi a temperatura ambiente e se non sono proprio freschissimi (un paio di giorni al massimo eh!) il risultato sara’ di gran lunga migliore. La vera riuscita del dolce però si basa sulla capacità di asciugare bene la meringa in forno.

Pavlova

  • Servings: 5-6
  • Difficulty: facile
  • Rating: ★★★★
  • Print

Leggera, con un guscio croccante e dal cuore marshmelloso, la mia Pavlova e' tanto semplice quanto gustosa.

Questa è la ricetta della pavlova (circa 6 da 7 cm o una grande da 24)

  • 150 gr albumi (circa 5 uova)
  • 140 gr zucchero semolato
  • 12 gr di maizena
  • 8 gr di aceto bianco
  • 140 gr zucchero a velo

In una ciotola perfettamente asciutta e pulita inizio a montare gli albumi, aggiungendo in tre volte lo zucchero semolato. Monto fino a quando la massa non è triplicata di volume. Non ho fretta nello svolgere questa operazione: l’aria che vado ad inglobare sarà la struttura portante della Pavlova. Dopo circa sei, sette minuti, aiutandomi con una spatola, aggiungo la maizena setacciata e l’aceto bianco, cercando di non smontate la meringa. Con un setaccio aggiungo lo zucchero a velo e riprendo a lavorare con lo sbattitore elettrico fino ad ottenere una meringa gonfia, lucida e fermissima.

Preriscaldo il forno a 120 gradi e porziono le meringhe nella forma che preferico, con un sach a poche o solo con l’aiuto di un cucchiaio .

Inforno le meringhe a 120 gradi per 5 minuti, non oltre altrimenti la meringa diventerà scura, ma questa temperatura permetterà alla crosta esterna di divetare croccante. Trascorso questo tempo, porto il forno a 90 gradi e, tenendolo leggermente aperto continuo la cottura per 40 minuti.  Lascio raffreddare nel forno spento. Nemico numero uno della Pavlova è l’umidità, quindi farcisco il mio dessert solo al momento di servirlo.

This image has an empty alt attribute; its file name is 0111fd6a-e561-48b3-add1-b1f67936fbe7.jpeg

Per la Chantilly alla vaniglia :

  • 250 gr di panna fresca
  • 60 gr di zucchero a velo
  • Un bacello di vaniglia

Monto la panna con i semi estratti dal baccello e aggiungo lo zucchero un pò per volta.

Per quanto riguarda la decorazione bisogna solo dare sfogo alla fantasia, tenendo però presente che la meringa e la chantilly sono molto dolci, e che dunque l’abbinamento con un frutto acida quali lamponi e fragole piuttosto che frutto della passione o rabarbaro, aiutano a smorzarne la stucchevolezza.

Green Tea Biscotti

Green Tea Biscotti

BISCOTTI DA TE’ (ITALIANO)

Who doesn’t love tea and crunchy bikkies? In several posts I spoke about vary kind of pastry and their different structures based on use. When I want sweet and mouth-watering pastries, I choose the FROLLA MONTATA. It si so crunchy because of the high percentage of butter contained and it is very simple to prepare and due to its soft consistency it must be dressed with a piping bag to create the most varied shapes. Simple and versatile, the frolla montata can be flavored as we like: jam, candied fruit, dried fruit can be added to the biscuits or we could decorate them with chocolate once they are cold. The dough can also be enriched with almond flour or hazelnut flour or why not cocoa. Use your own imagination to make any other variations.

Biscotti

  • Servings: around 30 pcs
  • Difficulty: easy
  • Rating: ★★★★
  • Print

This homemade thin and crispy biscuits recipe is perfect for any time.

INGREDIENTS:

  • 250 gr of creamy butter
  • 150 gr icing sugar
  • 2 whole eggs
  • 1 egg yolk
  • 420 gr of flour
  • 2 gr salt
  • Vanilla( but you can choose the aroma you like)

Unlike the other dough recipe, this one does not require resting time. Its immediate use is recommended above all to prevent the butter from becoming hard again.

For the preparation if you have a KitchenAid at home start using the flat beater (if you don’t have it just use a big bowl and a spatula). So I work the creamy butter at room temperature with the icing sugar, the aromas I have chosen and the salt. I add the eggs, preferably one at a time. Go on and when the mixture is well mixed add the sifted flour and continue working until the dough becomes soft and homogeneous.

Before filling the piping bag, be sure to place the piping tip down in the bottom of the piping bag first. Be careful not to cut so much that the tip slips through! To fill the bag, hold the bag in the middle and fold the top half down over your hand to open it up. With a spoon or spatula, scoop the filling and place it the bottom of the piping bag. Scrape any excess filling off the spoon or spatula against the side of the bag before withdrawing it. Only fill the bag about 2/3 to 3/4 of the way up.

Now let’s start to create our biscuits, trying to be as accurate as I can because and make them the same size because like this I am sure that the biscuits will have the same cooking time. Decorate with jams, dried fruits or candied fruits and bake for 20 minutes at 170 Celsius degrees (340 Fahrenheit). Let them cool and finish the decorations with melted chocolate or icing sugar. You can keep them for almost 10 days! 🙂


Biscotti da te’

Chi non ama sorseggiare un tè caldo accompagnato da un profumatissimo biscottino di pasta frolla? In diversi articoli ho affrontato il tema delle frolle e delle sue diverse strutture in base all’utilizzo. Quando voglio pasticcini scioglievoli al palato e golosissimi la frolla che scelgo è quella montata. In assoluto la più friabile di tutte data l’alta percentule di burro contenuta all’interno, è semplicissima da preparare e per sua consistenza morbida dovrà essere dressata con un sac a poche per creare le più svariate forme con l’aiuto delle bocchette che più ci pacciono. Semplice e veratile, la frolla montata può essere aromatizzata come preferiamo, tenendo presente che ai biscotti potrà essere aggiunta della confettura, frutta candita, frutta secca o potremmo decorarli con del cioccolato una volta freddi. L’impasto inoltre può essere arricchito con della farina di mandorle o nocciole o del caca , avendo però cura di diminuire il peso della farina del 10 %, totale che verrà sostituito appunto da queste polveri.

Biscotti

  • Servings: circa 30 pezzi
  • Difficulty: facile
  • Rating: ★★★★
  • Print

Questa ricetta di biscotti e' davvero semplice da preparare e buona per ogni occasione.

Ingredienti: ( 35 biscotti circa ma dipende dalla grandezza che sceglierete)

  • 250 gr di burro cremoso
  • 150 gr zucchero a velo
  • 2 uova intere più un tuorlo
  • 420 gr di farina
  • 2 gr sale
  • Vaniglia o scorza di agrumi o cannella

A differenza delle altre frolle, questa tipologia non necessita di riposo, anzi il suo utiizzo immediato è consigliato sopratutto per evitare che il burro torni ad essere troppo compatto rendendo difficile l’uso della sac a poche. Finalmente una rictta dove non c’è da aspettare!

Nonostante il nome, la frolla montata non va lavorata con le fruste, ma con la foglia in caso di planetaria o con una spatola.

Quindi lavoro il burro cremoso a temperatura ambiente con lo zucchero a velo, gli aromi che ho scelto e il sale. Aggiungo le uova, preferibilmente una per volta, quando il composto è ben amalgamato aggiungo la farina setacciata e continuo a lavorare fino a che l’impasto non diventa morbido ed omogeneo.

Non riempio il sac a poche eccessivamente perchè potrei avere difficoltà quando porziono i biscotti nella teglia; inizio a creare le varie forme, cercando di essere il più precisa possibile perchè ovvio l’occhio vuole la sua parte ma mantenendo le stesse dimensioni sono sicura che i biscotti avranno lo stesso tempo di cottura. Decoro con confetture o frutta secca e candita e inforno 25 minuti  a 170 gradi .

Una volta cotti li lascio raffreddare e termino le decorazioni con il cioccolato fuso o  zucchero a velo. I biscotti si conservano per una decina di giorni chiusi in una scatola ermetica o di latta.

This image has an empty alt attribute; its file name is 3.jpg

Tiramisu’

Tiramisu’

TIRAMISU (ITALIANO)

Oh yeah! We decided to make our great timeless classic: Tiramisu’, the most famous Italian dessert in the world. Of course, as with any iconic dessert, there are a number of variations of the classic recipe. Some people like to sprinkle biscotti (biscuits) throughout the layers to add a bit of crunch; others like to substitute ricotta cheese for the traditional mascarpone. Lot of chefs like to stamp their own heritage onto the dessert. It is imitated around the world, but tiramisu is now being claimed exclusively by the Italian town of Treviso, which claims it is the birthplace of the creamy dessert.

Mascarpone, coffee and Savoiardi (commonly know as Lady Fingers)are the basic ingredients from which to start the creation of this delight. Simplicity and speed in making it, it is the most popular dessert after a meal or suitable for celebrating any event. But do you know that it is very easy to make ladyfingers at home as much as mascarpone? We always prefer to make our own homemade cookies and last time we have also used our own mascarpone, being truly amazed by its goodness!

Mascarpone is an ivory-colored, exceptionally smooth, and easily spreadable fresh cream cheese. The flavor is milky and slightly sweet. The rich, buttery texture comes from the high butterfat content. It, however, traditionally uses a mild acid like vinegar or lemon juice rather than rennet and it’s vegetarian-friendly.

Tiramisu'

  • Servings: 4
  • Difficulty: medium
  • Rating: ★★★★★
  • Print

This easy Tiramisu is simple to make - especially when you make it the traditional Italian way!

That’s my recipe for 300 grams of mascarpone:

  • 500 gr of cream
  • 10 g of lemon juice (or 8 g of acid citric in solution)
  • 1 gr of salt

The thermometer is essential for the preparation of the recipe because it is the achievement of the cream at 85 degrees which will allow me to have a good result. I add the lemon, stirring constantly and let it go on the fire for about 10 minutes. The cream will begin to curdle, becoming thick and creamy. I leave the mix to cool down at room temperature for almost half an hour. After the cooling time I place the lined sieve inside a slightly larger bowl and transfer the cooled cream to the lined sieve. I cover the cream and store in the fridge for 24 hours. After 24 hours the cream will set and you will get a little bit of whey from the cream into the bowl that you placed below the strainer. What’s left in the cheesecloth* will be a thick mascarpone cheese.

Photo from the web

The Savoiardi, born in Corte Savoia, are Italian biscuits made with a sponge cake batter. They are little crisp to bite in and soft and airy inside. The recipe is really simple and I guarantee that once you try them you will no longer buy them at the supermarket anymore.

Ingredients for Lady Fingers:

  • 150 g of sugar
  • 100 gr flour
  • 4 eggs
  • 2 g salt
  • Icing sugar
This image has an empty alt attribute; its file name is foto-1-2.jpg
Ingredients for Savoiardi

I turn on the oven at 170 Celsius degrees. Separate the egg yolks from the whites. In a large bow whisk the egg yolks with half of the sugar. In another bowl or a stand mixer, whisk the egg whites until it turns into soft peaks. Once they turn into stiff peaks, gradually whisk in the salt and the rest of the sugar until well combined (do not over beat). Once the egg whites are well combined with sugar, very gently fold it into the egg yolk mixture. Finally sift the flour a little at a time into the egg mixture and fold it in even more gently. Use a spatula or wooden spoon to gently fold the dry ingredient in until just mixed. It is important fold very gently to not to deflate the batter meaning that the savoiardi would be flat and not as spongy. Use a piping bag with a plain 1.5 cm, or you could just snip the end off or use a ziplock baand fill with the batter. Pipe the batter into 12 cm (do not forget to leave some space between each to allow for spreading) .Sift the icing sugar over the savoiardi and wait for 5 minutes. Bake savoiardi for 12 minutes. Instead of the normal Savoiardi I made my sponge cake batter because I want to make a tiramisu in a glass.

Sift the icing sugar over the savoiardi and wait for 5 minutes before bake.
Then using a dough cutters round shape I made my circles, ready to be soak in the coffee

The currents of thought are many especially related to the sale and shelf life of the dessert. As for a home speech, using raw eggs is the most popular option. From a professional point of view the situation is totally different: selling products that have raw unpasteurized eggs in the mix is illegal (in Italy at least). The pastry chefs choose the Italian meringue to mix with mascarpone, custard cream or whipped cream. I prefer to use cream or custard if I do not have time to pasteurize my eggs with meringue or with pâté à bombe.

For the custard:

  • 60 gr of sugar
  • 60 gr of egg yolks (about 3)
  • 25 grams of flour (or corn starch)
  • 2 gr of salt
  • 1 Vanilla bean (or extract)
  • 300 gr of milk

I have already spoke about my custard recipe in the Pastiera post. If you want to know how to make custard, just follow these link: How to make Custard 🙂

For the Bagna al caffè or coffee mix: (lot of people like to add liquor such as Marsala or Kahlúa. It is really up to you)

  • 100 gr of water
  • 100 gr of sugar
  • 100 gr of espresso coffee

I boil the water, add the sugar and wait until it boils and off the heat I add the coffee. This will be the sopping for my savoiardi.

For the mascarpone cream:

  • 500 gr of homemade mascarpone
  • 400 gr of custard
  • 150 gr of semi-whipped cream

I work the mascarpone with the whisk and gently fold the whipped cream and the custard. Do not hurry this step and use a spatula or large spoon to fold the whipped cream in. You want to keep as much of the air in the whipped cream intact, so the tiramisu cream is light and fluffy.

The next step is assembling the tiramisu. Now it’s all about assembling the tiramisu cups, alternating layers of sponge cake and layers of mascarpone cream. Also in this passage remember to handle the cream with care, as knocking the air out of it will make it more runny. Remember to moisten the sponge cake with sweetened coffe, this needs to be done in every layer. I spread a thin layer of cream over the last sponge cake disc, then dusted the top with unsweetened cocoa powder.. and enjoy it!

We made our version of tiramisu: Tiramisu in a glass!

Tiramisu

Eh si! Abbiamo deciso di cimentarci nella riproduzione di un grande classico intramontabile: il tiramisù. Simbolo dell’Italia, sopratutto all’estero , è senza esagerare il dolce più popolare al mondo.

Mascarpone, caffè e savoiardo le  basi da cui partire per la creazione di questa delizia, una vera “botta di vita”.

Bontà, semplicità e velocità di riproduzione della ricetta lo rendono il dolce più gettonato come fine pasto o adatto a festeggiare qualsiasi evento. Ma sapete che è semplicissimo fare a casa tanto i savoiardi quanto il mascarpone?

Io e Pasquale preferiamo prepararci i biscotti da soli e un paio di volte abbiamo anche usato il nostro mascarpone restando davvero stupiti dalla sua bontà!

Il mascarpone non è altro che un fomaggio dalla consistenza spalmabile, ricavato dall’effetto dell’acido citrico sulla panna che con il calore, coagula la caseina conferendo al formaggio la caratteristica cremosità che ci piace. La coagulazione dovuta al calore e non al caglio lo rende un prodotto vegetarian friendly.

Tiramisu'

  • Servings: 4 bicchieri
  • Difficulty: media
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Cosa c'e' di piu' buono di un tiramisu' fatto in casa? E se proviamo a fare anche i savoiardi, lo e' ancora di piu'.

Ingredienti per 300 grammi di mascarpone:

  • 500 gr di panna
  • 10 gr di succo di limone ( o 8 grammi di acidi citrico in soluzione)
  • 1  gr di sale

Il termometro è essenziale per la preparazione della ricetta perche’ è il raggiungimento della panna a 85 gradi che mi permetterà di avere un buon risultato. Aggiungo il limone, mescolando di continuo e lascio andare sul fuoco per circa 10 minuti. La panna inizierà a cagliare, diventando sempre più densa e cremosa. Lascio il composto a raffreddare a temperatura ambiente per mezz’ora dopo di che trasferisco il liquido in una ciotola coperta da un canovaccio di lino e verso il futuro mascarpone all’interno: tutto il liquido in eccesso scivolerà nella boulle. Strizzo il mascarpone aiutandomi con il panno e lascio riposare in frigo per la notte. Al mattino sarà diventato compatto e cremoso, perfetto per essere utilizzato!

Photo from the web

Friabili, leggeri, spumosi, dalla forma allungata che ricorda un dito, i Savoiardi, nati a Corte Savoia, costituivano lo spuntino dei reali della dinastia. La ricetta è davvero semplice e vi garantisco che una volta provata non comprerete più i pacchi al supermercato .

Ingredienti per savoiardi:

  • 150 gr di zucchero
  • 100 gr farina
  • 4 uova
  • 2 gr sale
  • Zucchero a velo per spolverare
This image has an empty alt attribute; its file name is foto-1-2.jpg

Accendo il forno a 170 gradi. Separo i tuorli dagli albumi e monto i primi con metà dello zucchero della ricetta. Aggiungo il sale agli albumi, la parte rimasta dello zucchero e monto a neve ferma. Con una spatola aggiungo gli albumi ai tuorli, delicatamente avendo cura di non smontare il composto. Con un setaccio aggiungo poco alla volta la farina, con movimenti decisi ma delicati dall’alto verso il basso cercando di incorporare aria. Metto il composto in una tasca e porziono i biscotti facendo delle strisce di 10 cm che spolvero di zucchero a velo, ricoprendole totalmente. Cuocio per venti minuti ma il tempo è indicativo: a farla da padrone è il colore. Un bel dorato uniforme mi dice che i miei biscottini sono pronti. Una nuvola di dolcezza! Invece dei classici savoiardi, io ho steso l’impasto su una teglia, in modo tale che, una volta cotto, lo andro’ a coppare con un coppa pasta.

This image has an empty alt attribute; its file name is foto5.jpg
Non dimenticate di spolverare con dello zucchero a velo prima di infornare.
This image has an empty alt attribute; its file name is foto-3-4.jpg
Una volta cotto l’impasto, coppo la mia torta con un coppa pasta per ottenrere i miei cerchi di savoiardi, pronti da inzuppare nel caffe.

Fino ad ora abbiamo parlato della parte semplice. Si perchè la vera difficoltà sta proprio nella realizzazione della crema al mascarpone. Le correnti di pensiero sono tante sopratutto legate alla vendita e alla conservabilità del dolce. Per quanto riguarda un discorso casalingo, utilizzare le uova crude è l’opzione più gettonata. Da un punto di vista professionale la situazione è diversa: vendere prodotti che hanno nelle creme uova crude non pastorizzate è illegale (in Italia almeno). I Pasticceri scelgono la meringa italana in alleggerimento alla pâte à bombe con il mascarpone, la crema pasticcera o la panna montata. Sarà un pò la deformazione professionale (;-)), ma io preferisco usare la panna o la crema pasticcera se non ho il tempo di pastorizzare le uova con la meringa o la pâte à bombe.

Per la crema pasticcera :

  • 60 gr di zucchero
  • 60 gr di tuorli ( circa 3 )
  • 25 gr di farina ( o amido di mais)
  • 2 gr di sale
  • bacca di Vaniglia
  • 300 gr di latte

Della crema vi ho già parlato nell’articolo della pastiera, li troverete il procediemento. Io di solito la faccio la sera prima così, al momento dell’uso la mia crema sarà fredda e ben stabilizzata.

Per la Bagna al caffè:

  • 100 gr di acqua
  • 100 gr di zucchero
  • 100 gr di caffè espresso

Faccio bollire l’acqua, aggiungo lo zucchero e aspetto che bolli e fuori dal fuoco aggiungo il caffè. Questa sarà l’inzuppatura dei miei savoiardi.

Per la crema al mascarpone:

  • 500 gr di mascarpone fatto in casa
  • 400 gr di crema pasticcera
  • 150 gr di panna semimontata

Lavoro il mascarpone con la frusta. Aggiungo la panna semimontata e la crema pasticcera. Trasferisco tutto in un sac a poche.

Finalmente ho tutti gli “attrezzi “ necessari per comporre il mio tiramisù: inzuppo i Savoiardi nella bagna e alterno con la crema, strato dopo strato riempiendo tutto il bicchiere. Lascio riposare in frigo per due ore almeno.  Prima di servire, una nevicata di cacao e una grattuggiata di cioccolato fondente e.. ci tiriamo su! 🙂

This image has an empty alt attribute; its file name is foto-4-1.jpg
Questa e’ la nostra versione di Tiramisu’ al bicchiere.

Pastiera Napoletana

Pastiera Napoletana

LA PASTIERA NAPOLETANA (ITALIANO)

Happy Easter from us! 🐰

I must recognize that the start of 2020 is a clear continuation of the negativity of 2019 but is going fast. We are already at Easter… This unusual Easter which has deprived us of love and people. Let me say that Pasquale and I are not Catholics but we like to celebrate this holiday especially to feel closer to home.

In these days you really feel all the kilometers that separate you from your home and your habits. Imitating the mothers and grandmothers who get busy preparing all sorts of delicacies is a way to get to know yourself: I feel the traditions are part of me, they are mine and I feel I have a stronger bond with those who share them. Among the sweet and savory cakes of the Easter tradition, the real queen of the feast is undoubtedly the Pastiera Napoletana.

When it comes to history and tradition in cooking, you know, Naples is unrivaled. Ancient recipes are wisely handed down from generation to generation and the passion for their roots enrich every anniversary of the year with history. There are several legends about the origin of this dessert.

The pagan version of this cake dates back to the birth of the siren Partenope, who fell in love with our coasts and decided to live here. During the Easter period, she used to look out from the sea to greet the people of fishermen who lived along the coast and them, to thank her, used to offer her this dessert with the flavor of spring.

Beyond the charm of myth and legends, the pastiera is a cake deeply linked to the Christian tradition. It is most likely that the pastiera was created on Holy Thursday, in a monastery in San Gregorio Armeno, by some nuns who were experts in cooking and who wanted to give thanks to the resurrection of Jesus Christ. For this reason, they have used ingredients that would symbolize this event. We remember: wheat, symbol of the Resurrection because the wheat is buried and then reborn from the earth; eggs, because they are a symbol of fertility and birth and the orange blossom whose scent recalls the Neapolitan gardens in bloom in spring in the typical Easter period.

Photo from the web

Anyway, both legends agree on the number and meaning of the shortbread strips that characterize the surface of the pastiera. Seven strips of pasta that cross to form squares to represent the layout of the historic center of ancient Naples.

This image has an empty alt attribute; its file name is untitled-5.jpg
Photo from the web

It is the traditional dessert and requires specific ingredients to make it. Living in Sydney, finding everything I needed was difficult but the final result made me happy and satisfied my flatmates who were happier to eat it. I was enough lucky to find cooked wheat in the Italian quarter. However, I did not have the same fate with the orange blossom which I omitted and replaced with the zest of two oranges.

As I usually do, I prepare the base of my Pastiera the previous day. It is a particular pastry that has lard (pork fat) as fat which gives it flavor and crispness. In case you don’t want to use it, you can choose between seed oil, following the same weight as the recipe or the butter by adding about 20more grams.

Pastiera Napoletana

  • Servings: 1
  • Difficulty: medium
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Pastiera napoletana is a fragrant wheat cake recipe traditionally eaten during Easter in Italy.

For the base (26 cm mold) :

  • 140 gr plain flour
  • 200 gr of lard (or seed oil)
  • 175 g of sugar
  • 1 gr of salt
  • 135 gr of water
  • 1 egg yolk •
  • vanilla bean
  • 1 lemon zest and 1 orange zest

I start with lard, sugar, vanilla and citrus peels. Once the ingredients are mixed, I proceed with the addition of water and eggs and finally add the flour. I create my usual dough, stick it properly and let it rest in the fridge.

Custard (we need 100 grams ):

  • 300 gr of fresh milk
  • 2 egg yolks
  • 50 gr of sugar
  • 1 vanilla bean (or vanilla paste)
  • 2 gr of salt
  • 25 gr of flour
  • Peel of 1 orange

I start with egg yolks, sugar, aromas and salt and I whisk the mixture slightly. I add the sifted flour and whisk the mixture with the boiling milk. Once all the liquids have been added to my mixture, I transfer all into a saucepan and start to cook the cream, turning with the whisk until it has become creamy. I quickly put my cream in a container, cover it with some cling wrap and let it cool in the fridge until the following day.

For the Filling:

  • 560 gr cooked wheat
  • 400 gr of ricotta
  • 400 gr of sugar
  • 100 gr of custard
  • 350 gr of whole eggs (about 7 medium eggs)
  • 70 gr of candied orange
  • 10 gr orange blossom aroma (in alternative 2 oranges zest)
  • 2 gr of cinnamon
  • 2 gr of salt

The wheat is already cooked, but to make it softer and tastier, I prefer to cook it in a liter of milk, some orange and lemon zest, cinnamon, 20 gr of lard and 5 gr of salt. Bring on a low heat and let it go until the liquids are completely absorbed, (making sure that it does not stick to the bottom of the pot). Once cooked I blend half of it.

Sift the ricotta and in a large bowl I add all the ingredients of my filling. Ricotta, sugar, custard, wheat, cinnamon, citrus peel, a pinch of salt and the filling is ready to be poured into the mold already lined with pastry. And do not forget to keep some dough aside for the seven strips of our Pastiera. Put the cake in the oven at 180 degrees for about 45 minutes.

During cooking it will rise due to the humidity of the filling that evaporates but once out the surface will level out. As soon as the dessert is cold, a sprinkling of icing sugar and.. it is ready to eat! Enjoy! 🙂


La Pastiera Napoletana

Buona Pasqua da noi! 🐰

Devo riconoscere che se pur carico di brutte notizie al limite dell’inimmaginabile questo 2020 sta passando in fretta. Siamo già a Pasqua…

Una Pasqua insolita questa… ci ha in un certo senso privati del suo significato più profondo: stare con chi amiamo e vogliamo bene. Io e Pasquale non siamo cattolici ma ci pace comunque celebrare le festitività sopratutto per sentirici più vicini a casa.

Proprio in questi giorni senti davvero tutti i chilometri che ti separano dalla tua casa e dalle tue abitudini. Imitare le mamme e le nonne che si danno da fare preparando ogni sorta di manicaretto è un modo per conoscere se stessi: nel rispettare le tradizioni mi sento parte di esse, le sento mie e sento di avere un legame più forte con chi le condivide. Tra le torte dolci e salate della tradizione pasquale la vera regina della festa è senza dubbio la Pastiera. La sua nascita ha origini davvero antiche e come tante altre legende della città di Napoli, nasce dalla fusione di elementi religiosi e pagani che rendono la cultura partenopea unica nel suo genere, in bilico tra mistero e magia. La Pastiera, si narra sia nata dalle mani della sirena Partenope, fondatrice della stessa città di Napoli, come ringraziamento ai doni rappresentanti la natura provenienti dal popolo della città: la farina come simbolo di ricchezza, la ricotta segno di abbondanza, le uova sinonimo la fertilità, il grano cotto nel latte monito della fusione di regno animale e vegetale, le arancie e i suoi fiori, il profumo della Campania e del Mediterraneo, la cannella risaputo omaggio di ogni popolo e lo zucchero come simbolo di dolcezza. La nascita di questo amato dolce viede ricondotta anche alle monache del convento di San Gregorio Armeno che la preparavano il giovedì santo per celebrare la rinascita di Gesù e degli uomini.

Foto dal web

Pagana o cattolica sia la sua origine, entrambe le leggende sono daccordo sul numero e significato delle strisce di pasta frolla che caratterizzano la superficie della pastiera. Sette stricie di pasta che si incrociano formando dei quadrati per rappresentare la planimetria del centro storico dell’antica Napoli.

This image has an empty alt attribute; its file name is untitled-5.jpg
Foto dal web

La pastiera è il dolce della tradizione e necessita per la sua realizzazione di ingredienti specifici. Vivendo a Sydney trovare tutto l’occorrente mi è risultato difficile ma il risultato finale mi ha reso felice e ha soddisfatto i miei coinquilini che hanno potuto mangiarla per i miei amici la rifarò in tempi meno sospetti). Sono stata molto fortunata a trovare il grano cotto nel quaritere italiano. Stessa sorte, però, non l’ho avuta con i canditi e l’acqua di fiori di arancio che ho omesso e sostituito con le zeste di due arancie.

Come faccio di solito per le frolle  prepararo la base della mia Pastiera la sera precedente. SI tratta di una frolla particolare che come grasso ha lo strutto (il grasso di maiale) che conferisce gusto, friabilità e maggiore manualità quando la andrò a lavorare. Nell’evenienza vogliate optare per un altro grasso, potete scegliere tra olio di semi, seguendo la stessa grammatura della ricetta o il burro aggiungendone circa 20 grammi rispetto la ricetta.

Alla ricotta e al grano aggiungo sempre una parte di crema pasticcera che preparo in precedenza.

Vediamo praticamente come fare il nostro dolce pasquale .

Pastiera Napoletana

  • Servings: 1
  • Difficulty: Media
  • Rating: ★★★★★
  • Print

La pastiera è un dolce pasquale partenopeo a base di pasta frolla ripiena con ricotta, grano bollito e canditi.

Pasta frolla con strutto (stampo da 26 cm)

  • 140 gr farina
  • 200 gr di strutto
  • 175 gr di zucchero
  • 1 gr di sale
  • 135 gr di acqua
  • 1 tuorlo
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 limone (scorza)
  • 1 arancia (scorza)

Procedo come una frolla normale: unisco lo strutto, lo zucchero, la vaniglia e le buccie di agrumi. Prepararla a mano putrebbe risultare un pò antipatico per la consistenza dello strutto, ma vi garantisco che dopo il riposo in frigo il prodotto sarà anche molto più semplice da lavorare piuttosto che una frolla al burro. Una volta amalgamati gli ingredienti procedo con l’aggiunta di acqua e le uova ed infine aggiungo la farina. Creo il mio solito panetto, lo impellicolo a dovere e lo lascio riposare in frigo.

Crema pasticcera ( ne occorrono 100 grammi )

  • 300 grami di latte
  • 2 tuorli
  • 50 grammi di zucchero
  • 1 bacca di vaniglia
  • 2 grammi di sale
  • 25 grami di farina
  • Buccia di 1 arancia

Preparo le uova con lo zucchero , gli aromi e il sale e con la frusta inizio a montare leggermente il composto. Aggiungo la farina setacciata, per non creare grumi e stempero il composto con il latte che ho messo a bollire sul fuoco. Una volta aggiunto tutto il liquido al mio composto, lo trasferisco nel pentolino e inizio a cuocere la crema girando con la frusta in cottura fino a quando non è diventata cremosa. Sposto velocemente la mia crema in un contenitore, metto la pellicola a contatto e lascio raffreddare in frigo fino al giorno seguente.

Ripieno della Pastiera

  • 560 gr di grano cotto
  • 400 gr di ricotta di pecora
  • 400 gr di zucchero
  • 100 gr di crema pasticcera
  • 350 gr di uova (circa 7medie)
  • 70 gr di canditi
  • 10 gr aroma di fiori di arancia (o la scorza di due arance)
  • 2 gr di cannella
  • 2 gr di sale

Il grano è già cotto, ma per renderlo più morbido e saporito, mi piace ricuocerlo in un litro di latte, la scorza di arance e limoni, la cannella, 20 grammi di strutto e 5 grammi si sale. Porto sul fuoco dolce e lascio andare fino al totale assorbimento dei liquidi, facendo attenzione che non si attacchi al fondo della pentola. Una volta cotto io ne frullo una metà, il grano e’ troppo invadente per la masticazione.

Setaccio la ricotta per eliminare il siero aiutandomi con un colino a maglia fine e in una ciotola grande aggiungo tutti gli ingredienti del mio ripieno, sempre con una frusta. Ricotta, zucchero, crema pasticcera, grano, cannella, scorze di agrumi, l’immancabile pizzico di sale e il ripieno è pronto da colare nello stampo già foderato di frolla. Mi raccomando di tenere un pò di impasto da parte per le sette stiscie della Pastiera.

Metto in forno a 180 gradi per circa 45 minuti. In cottura si alzerà a causa dell’umidita del ripieno che evapora ma una volta fuori dal forno la superficie della pastiera si livellerà. Appena il dolce è freddo una spolverata di zucchero a velo et voilà! Godetevi il vostro dolce di Pasqua! 🙂

The Journey BEGINS

The Journey BEGINS

IL VIAGGIO COMINCIA (ITALIANO)

Start writing a blog …

mmh I’ve never been good whit technology. Of course I always have Instagram and Facebook under control: nowadays it seems like everyone has an addiction to likes and hearts! Beyond this, however, using the PC also bores me to be honest … being seated in the same position for a few hours, not being able to move freely… Then six months, almost to the day, I made the decision to go back to school. What has use of the computer got to do with it you may think?! Well, before this pandemic, nothing at all, as my classes were conducted face-to-face. So, thank you dear Covid-19 (I am being ironic), I am at home now doing English lessons online (yes, because I study English) in video conference with people I have never seen before. My dear and a little old laptop no longer seems a stranger to me. I have taken stock and decided: “Michela, we have a lot of time now, so why don’t we putthe old laptop to good use and do something productive?“ “

So here I am! I am writing my thoughts at a snail’s pace. I am excited at the thought of launching myself into this, but I like to think that anyone from anywhere in the world can spend a minute to read what I write. I am not looking for support, I just want to share some ideas: a more intimate sharing, with people who have lived similar experiences and introduce something new and exciting to the people who haven’t. We all have stories to tell and I want to start sharing mine!

So, a small introduction then. My name is Michela and I am 32 years old (a bit younger in spirit) from Caserta, Italy. I’ve been with my boyfriend for three years now… his name is Pasquale, also from Italy, you will see him in some of the pictures on this blog. We are travelling between Australia and New Zealand looking for a place where we can put down roots! I attend school in Sydney, where we arrived just before the outbreak of the great fear (I call it that because the spread of that tiny, but frightful ‘thing’, has blockaded the whole world). I count myself lucky to be here just in time, but it doesn’t sit right. I suppose I am still coming to terms with our new reality as both myself and Pasquale work in the hospitality industry and uncertainty looms large.

I am a pastry chef by trade with 8+ years of experience in traditional and modern Italian and French pastry. Every aspect of pastries fascinates me to the point that it has become a sort of obsession. Confection, for meanyway, is life, it is shape, it is colour. The smells, precision, it is science and it is art. Pastry has changed my life. My perspective has changed, my habits as well, but cooking has also filled the gaps that I felt inside. It gave meaning to my days, my ‘happy place’! How do they say? ‘do what you love, and you will never work one day in your life’… well, whoever said that has never dealt with the employer! 😉 !

But let’s put ‘Moi’ aside for a moment. I am not alone in this adventure, luckily Pasquale is with me. He’s a chef with experience in Michelin starred restaurants. Well, ‘a pastry chef and a chef … we never stop fighting likea cat and dog!’ Maybe it’s the fact that we are a little competitive, each of us want to have an edge over the other, maybe it’s this that holds us together, that gives a little spice to our relationship… ‘mmm spices… Timut Pepper, my favourite!

Timut pepper deserves to be mentioned: a Nepalese spice that recalls pepper only for its shape, It has a very citrus flavor and smell, with notes of grapefruit but tending to acid. AnywayI will talk about it in my next post. 🙂

Food is a very important aspect of my life. Around the Food Universe gravitates my work, my partner’s work, and my passion. It’s just love. Anyway, I’ll have many things to write about soon, recipes and ingredients to explore. Perhaps as a beginner it may seem a little longer post than usual, but I have good intentions to grow up and improve my writing skills! Remember that you never stop learning, luckily, I’d say!

IL VIAGGIO COMINCIA QUI.

Iniziare a scrivere un blog… mmm tanto tecnologica non lo son mai stata. Certo ho sempre sotto controllo Instagram e Facebook : al giorno d’oggi la dipendenza da like e cuoricini appartiene un po a tutti ! Oltre questo però usare il pc mi annoia anche un po ad essere sincera … essere seduti nella stessa posizione per qualche oretta, non avere libertà di movimento …troppo costrittivo e statico. Poi sei mesi alla decisone di tornare a scuola.

Cosa centra l’uso del computer penserete?1. Bè, prima di questa pandemia proprio nulla, in quanto, il mio corso di studi prevedeva la normale frequenza tra banchi di scuola face -to-face colleghi e insegnati. Cosi, grazie caro covid-19, sono a casa adesso e faccio lezioni di inglese (si, perchè studio inglese) in video conferenza con persone che non ho mai visto prima. il mio caro e un pò vecchiotto portatile non mi sembra più uno sconosciuto e mi son detta:  ”Michela,  abbiamo ( non so perche mi rivolgo a me stessa non in terza persona ma al plurale ) molto tempo adesso, perche non usiamo il vecchio pc per far qualcosa di carino???”

Ed eccomi qui adesso a scrivere a tempo di lumachina i miei pensieri.  Sono eccitata al pensiero di lanciarmi in un attività come questa, solo per me forse e’ una novità dato che siamo nel 2020 (J), ma mi piace  pensare che qualcuno da qualche parte nel mondo possa spendere anche solo un minuto per leggere quello che digito, e farlo senza pensare se possa piacere , possa risultare antipatica o troppo banale. Non cerco consensi, solo condivisione, ma nel termine meno social che si possa intendere:  una condivisione più intima , come ritrovarsi nelle parole di gente normale che ha  vissuto esperienze simili. Abbiam tutti storia da raccontare e io voglio iniziare a raccontare la mia!

Una piccola presentazione, un riassuntino perchè spero avremo modo ci conoscerci meglio. Mi chiamo Michela ho quasi 32 anni (nell’anima molto meno) e sono due anni che con il mio fidanzato… compagno dai, fidanzato è troppo romantico-retrò non si usa più, Pasquale, viaggiamo tra Australia e Nuova Zelanda per cercare un posticino dove mettere radici! E si, frequento la scuola a Sydney, dove ci troviamo esattamente da meno di due mesi, appena giunti poco prima dello scoppio della grande paura (la chiamerò così la diffusione di quel tanto minuscolo ma pauroso esserino che ha bloccato tutto il mondo). Fortunati ad arrivare giusto in tempo? Non lo so ancora …sto ancora elaborando dato che al momento non abbiamo un’entrata, in quanto sia io che Pasquale lavoriamo nel settore dell’hospitality.

Io sono un pasticcere con 8 anni di esperienza in pasticceria italiana tradizionale e moderna e pasticceria francese. Ogni aspetto della pasticceria mi attrae e mi affascina al punto tale da essere diventata una sorta di ossessione (in senso positivo eh! Ditemi che esistono ossessioni connotate in tal senso …bè mi informerò). La pasticceria per me è vita, è forme, è colore. Profumi, precisione. Un pò come la musica: ogni elemento ha un posto preciso, non può seguire il caso, ha regole rigide ma armoniose e se impari a conoscerla, a capirla, ti da molte soddisfazioni. La pasticceria ha cambiato la mia vita. Non in bene o in male. Son cambiati i miei orari, le mie abitudini, ma ha anche colmato vuoti che sentivo dentro, ha dato senso alle mie giornate, la mia isola felice insomma! Bello quando fai un lavoro che ami. Come dicono? fai quello che ami e non lavorerai mai un giorno nella tua vita… bè non hanno mai fatto i conti con il datore di lavoro ;)!

Ma mettiamo un attimino da parte ‘Moi’, tanto vi ho detto che avremo tempo (suona come una minaccia?). Non sono sola in questa avventura, e menomale, con me c ‘è Pasquale, anche lui chef con esperienza in ristoranti stellati. Insomma un pasticcere e uno chef… non si smette mai di litigare! Chi ha un pò di esperienza nel settore sa che sono due categorie che cane e gatto scansati! Forse è la marcia in più che ci tiene insieme, che dà un po di pepe … mmm pepe… Pepe Timut, il mio preferito!

Scusate, piccola digressione che approfondiremo. Il pepe Timut merita però di essere citato: una spezia Nepalese che ricorda il pepe solo per la forma, ha un sapore e un odore molto agrumato, con note di pompelmo ma tendente all‘acido, quasi a voler ricordare il passion fruit.  Si accosta molto bene con i frutti di mare e il pesce bianco, ma il suo utilizzo in pasticceria non è meno importante…

“Oh no! il solito blog di cucina!”. Ditemi la verità avete pensato a questo! Forse si, devo essere sincera, il cibo è un aspetto molto importante nella mia intera vita: attorno all’universo CIBO gravita il mio lavoro, il lavoro del mio compagno, e la mia passione. E’ amore. Si, il cibo mi appassiona, mi emoziona ecco.

 Ma il mio intento non è solo scrivere di cibo o ristorazione: ho tante cose di cui scrivere e passatemi il termine “parlarvi”, e di cui parlare assieme!

Oddio forse come inizio può sembrare un pò lunghetto, ma i buoni propositi di crescere e migliorare ci sono!

Ricordiamoci che non si smette mai di imparare, per fortuna aggiungerei!