Pavlova

Pavlova

PAVLOVA (ITALIANO)

There are plenty of tasty and fulfilling recipes you can bake. Also, there are many desserts which we don’t know the origin.

Let’s talk about Pavlova. It has been a long standing battle between Australia and New Zealand as to who invented the pavlova.

“The Oxford English Dictionary may have settled a long-running argument between Australia and New Zealand over who invented the pavlova”, BBC declares. “The dessert was named after the Russian ballerina Anna Pavlova, who visited both countries in the 1920s. Australians and New Zealanders agree on that, but not on who invented it.”

After many investigation, the first known recipe was found in a New Zealand cookbook ‘Davis Dainty Dishes’ in 1929. In fact, this was a whole six years before the first pavlova recipe appeared in Australia, so it seems the Kiwis had first dibs after all. Well done New Zealand! 🙂

If there’s one thing we can all agree on, it’s the irresistible deliciousness of the meringue-based dessert. Let’s put all the stiff-peaked competition behind us. Who knows, who cares, as long as we can eat it!

Light and elegant, it takes the name from the Russian dancer Anna Matveyevna Pavlova, famous during the 1900s for her gracefulness and passion for long white shawls and her most beautiful interpretation of Swan Lake.

The history says that a chef at a hotel in Wellington in New Zealand created a dessert dish for Anna when she visited there in 1926 on her world tour. The hotel chef was inspired by her white tutu. While travelling from Paris to The Hague, Anna became very ill. She was told that she had pneumonia and required an operation. Because of that she would never be able to dance again.

If I can’t dance, then I’d rather be dead.

Anna Pavlova

She died of pleurisy, in the bedroom next to the Japanese Salon of the Hotel Des Indes in The Hague. When the chef heard the bad news, he decided to dedicate a dessert to his lost sweetheart that would remember her: a light and crunchy meringue, hard as the tips on which Anna danced but soft and light inside, like her heart. White like the color she loved, stuffed on the top by a touch of red as a symbol of the disease that tore her life. Such a romantic and dramatic love story!

A true classic in New World patisserie, Pavlova is usually topped with whipped cream and fresh seasonal fruit, making the perfect summertime dessert. Very simple to make, it is not just a simple meringue. In the recipe we find the white vinegar (believe me, the pavlova will not taste like vinegar) that helps the egg whites hold onto air and, like the sugar, helps prevent the egg whites from collapsing. We also find the corn starch which makes the center fluffier and more marshmallow-y.

Now let’s see how to make this delicious dessert and be sure of:

  • Use egg whites at room temperature and make sure they are as fresh as possible;
  • Whisk and any spatulas etc. are also squeaky clean;
  • Have everything ready. When you start mixing the pavlova, you can not stop, unless there is a fire!

Pavlova

  • Servings: 6
  • Difficulty: easy
  • Rating: ★★★★
  • Print

Ethereally light, crisp on the outside, and marshmallowy on the inside, my Pavlova recipe is as simple as it is stunning.

INGREDIENTS: (about 6 pavlova 8cm large)

  • 150 gr egg whites (about 5 eggs)
  • 140 gr of caster sugar
  • 12 gr of cornstarch
  • 8 gr of white vinegar
  • 140 gr icing sugar

Put the egg whites in the mixing bowl with a balloon whisk. Start whisking on low speed until the egg whites start to form large and become foamy. Continue whisking on medium speed and start adding the sugar one tablespoon at a time. Please, be patient, it can take as long as 7 minutes. Add the vinegar, the cornflour and whisk them with the help of a spatula. Then it’s time to use the icing sugar. Add it into the bowl and continue to whisk for 30 seconds until incorporated and thick and glossy.

Preheat the oven to 120 Celsius degrees (250 Fahrenheit). Pipe meringue 3 to 3 1/2 inches wide onto the parchment paper using. Place in the oven for 15 minutes for the crust (not more otherwise the meringue will become dark). Knock the oven down to 90 Celsius degrees (195 Fahrenheit) and continue to cook for a further 35 minutes. Remove from the oven and allow to sit until it reaches room temperature. Once cool, you can top them with whipped cream and fruit or store in an airtight container for 3-5 days at room temperature (in a low humidity place). The fruit toppings for pavlova are endless. Use your imagination! 🙂

I like to eat my Pavlova with chantilly cream and some seasonal fresh fruit. Here’s my chantilly, very easy to make:

  • 250 gr of fresh cream
  • 60 gr of icing sugar
  • Vanilla bean ( or vanilla paste)

Whip the cream with the vanilla seeds and add the sugar 1 tbs at time. Very easy.

Another version that i really like is the banoffee pavlova. Banoffee pie meets Pavlova in this delicious dessert recipe. It is pure indulgence. Bananas are the star ingredient, and it is sure to impress any guest! Follow this step for the banoffee caramel:

  • 250 ml water
  • 450 gr caster sugar
  • 120 gr cream
  • 3 bananas chopped
  • 1 vanilla bean (or 2 teaspoon of vanilla paste)
  • plus 1 banana (for bruléed banana)

Let’s start. Combine the water and the sugar in a saucepan. Bring to the boil and let it caramelize over 8-9 minutes without stirring. While this is happening, combine the bananas, vanilla and cream in a jug blender. Process until smooth.

Once the caramel has been made, add the banana mix and stir well. Cook for another minute and cool completely before use it. For the bruléed bananas, peel one banana and halve it lengthways then place on a tray lined with foil. Scatter over the caster sugar then use a blowtorch to scorch the top. Set aside to cool and Enjoy!


Pavlova

In pasticceria sono tanti i dolci di cui è difficile stabilire l’origine. Più il dessert ha successo ed è popolare e più sono le persone che se ne contendono la creazione. Australia e Nuova Zelanda sono le protagoniste di una “dolce battaglia” per il riconoscimento della paternità della Pavlova.

Un guscio croccante di meringa che racchiude un cuore morbido come un marshmellow, la dolcezza della chantilly alla vaniglia e l’acidità dei frutti rossi danno vita ad un dessert fresco che ricorda molto l’estate. In Australia è il dolce della festa: non può mancare a Natale o durante i festeggiamenti dell’Anzac Day. Ma la sua origine viene attribuita alla Nuova Zelanda.

Leggera ed elegante prende il nome dalla ballerina russa Anna Matveyevna Pavlova, famosa durante il 900 per la sua leggiadria e per la passione per i lunghi scialli bianchi, arricchiti di perle e di chiffon. Sua la più bella interpretazione de Il lago dei Cigni.

Il dessert fu creato da un pasticciere quando la prima ballerina soggiornò durante una tournée in un albergo di Wellington. Quando Anna rientrò in Europa, lo chef cadde in depressione, ma continuo’ pur sempre a lavorare. Solo dopo cinque lunghissimi anni, venne pubblicata sui giornali la tragica notizia: Anna Pavlova era morta di polmonite.

“Se non posso danzare allora preferisco morire.”

Anna Pavlova

Appresa la notizia, lo chef, affranto, decise di dedicare alla sua innamorata perduta un dessert che ne ricordasse le caratteristiche: una meringa leggera e croccante, dura come le punte sulle quali Anna danzava ma morbidissima all’interno come il suo cuore, bianco, come il colore che amava algido ed elegante al tempo stesso, il tutto farcito sulla cima da un tocco di rosso come simbolo della malattia che le strappò la vita. Una storia d’amore, tanto romantica quato drammatica.

Un vero classico nella pasticceria del Nuovo mondo, la Pavlova viene servita accompagnata ad ogni sorta di frutto stagionale e i più golosi non esitano ad accompagnarla con del cioccolato o del caramello. Semplicissima da realizzare, non è una semplice meringa dato che nella sua ricetta troviamo l’aceto, artefice della sua morbidezza e l’amido di mais da cui dipende la croccantezza e la tenuta della forma. Un piccolo trucco da tenere bene a mente è usare albumi a temperatura ambiente e se non sono proprio freschissimi (un paio di giorni al massimo eh!) il risultato sara’ di gran lunga migliore. La vera riuscita del dolce però si basa sulla capacità di asciugare bene la meringa in forno.

Pavlova

  • Servings: 5-6
  • Difficulty: facile
  • Rating: ★★★★
  • Print

Leggera, con un guscio croccante e dal cuore marshmelloso, la mia Pavlova e' tanto semplice quanto gustosa.

Questa è la ricetta della pavlova (circa 6 da 7 cm o una grande da 24)

  • 150 gr albumi (circa 5 uova)
  • 140 gr zucchero semolato
  • 12 gr di maizena
  • 8 gr di aceto bianco
  • 140 gr zucchero a velo

In una ciotola perfettamente asciutta e pulita inizio a montare gli albumi, aggiungendo in tre volte lo zucchero semolato. Monto fino a quando la massa non è triplicata di volume. Non ho fretta nello svolgere questa operazione: l’aria che vado ad inglobare sarà la struttura portante della Pavlova. Dopo circa sei, sette minuti, aiutandomi con una spatola, aggiungo la maizena setacciata e l’aceto bianco, cercando di non smontate la meringa. Con un setaccio aggiungo lo zucchero a velo e riprendo a lavorare con lo sbattitore elettrico fino ad ottenere una meringa gonfia, lucida e fermissima.

Preriscaldo il forno a 120 gradi e porziono le meringhe nella forma che preferico, con un sach a poche o solo con l’aiuto di un cucchiaio .

Inforno le meringhe a 120 gradi per 5 minuti, non oltre altrimenti la meringa diventerà scura, ma questa temperatura permetterà alla crosta esterna di divetare croccante. Trascorso questo tempo, porto il forno a 90 gradi e, tenendolo leggermente aperto continuo la cottura per 40 minuti.  Lascio raffreddare nel forno spento. Nemico numero uno della Pavlova è l’umidità, quindi farcisco il mio dessert solo al momento di servirlo.

This image has an empty alt attribute; its file name is 0111fd6a-e561-48b3-add1-b1f67936fbe7.jpeg

Per la Chantilly alla vaniglia :

  • 250 gr di panna fresca
  • 60 gr di zucchero a velo
  • Un bacello di vaniglia

Monto la panna con i semi estratti dal baccello e aggiungo lo zucchero un pò per volta.

Per quanto riguarda la decorazione bisogna solo dare sfogo alla fantasia, tenendo però presente che la meringa e la chantilly sono molto dolci, e che dunque l’abbinamento con un frutto acida quali lamponi e fragole piuttosto che frutto della passione o rabarbaro, aiutano a smorzarne la stucchevolezza.

Tiramisu’

Tiramisu’

TIRAMISU (ITALIANO)

Oh yeah! We decided to make our great timeless classic: Tiramisu’, the most famous Italian dessert in the world. Of course, as with any iconic dessert, there are a number of variations of the classic recipe. Some people like to sprinkle biscotti (biscuits) throughout the layers to add a bit of crunch; others like to substitute ricotta cheese for the traditional mascarpone. Lot of chefs like to stamp their own heritage onto the dessert. It is imitated around the world, but tiramisu is now being claimed exclusively by the Italian town of Treviso, which claims it is the birthplace of the creamy dessert.

Mascarpone, coffee and Savoiardi (commonly know as Lady Fingers)are the basic ingredients from which to start the creation of this delight. Simplicity and speed in making it, it is the most popular dessert after a meal or suitable for celebrating any event. But do you know that it is very easy to make ladyfingers at home as much as mascarpone? We always prefer to make our own homemade cookies and last time we have also used our own mascarpone, being truly amazed by its goodness!

Mascarpone is an ivory-colored, exceptionally smooth, and easily spreadable fresh cream cheese. The flavor is milky and slightly sweet. The rich, buttery texture comes from the high butterfat content. It, however, traditionally uses a mild acid like vinegar or lemon juice rather than rennet and it’s vegetarian-friendly.

Tiramisu'

  • Servings: 4
  • Difficulty: medium
  • Rating: ★★★★★
  • Print

This easy Tiramisu is simple to make - especially when you make it the traditional Italian way!

That’s my recipe for 300 grams of mascarpone:

  • 500 gr of cream
  • 10 g of lemon juice (or 8 g of acid citric in solution)
  • 1 gr of salt

The thermometer is essential for the preparation of the recipe because it is the achievement of the cream at 85 degrees which will allow me to have a good result. I add the lemon, stirring constantly and let it go on the fire for about 10 minutes. The cream will begin to curdle, becoming thick and creamy. I leave the mix to cool down at room temperature for almost half an hour. After the cooling time I place the lined sieve inside a slightly larger bowl and transfer the cooled cream to the lined sieve. I cover the cream and store in the fridge for 24 hours. After 24 hours the cream will set and you will get a little bit of whey from the cream into the bowl that you placed below the strainer. What’s left in the cheesecloth* will be a thick mascarpone cheese.

Photo from the web

The Savoiardi, born in Corte Savoia, are Italian biscuits made with a sponge cake batter. They are little crisp to bite in and soft and airy inside. The recipe is really simple and I guarantee that once you try them you will no longer buy them at the supermarket anymore.

Ingredients for Lady Fingers:

  • 150 g of sugar
  • 100 gr flour
  • 4 eggs
  • 2 g salt
  • Icing sugar
This image has an empty alt attribute; its file name is foto-1-2.jpg
Ingredients for Savoiardi

I turn on the oven at 170 Celsius degrees. Separate the egg yolks from the whites. In a large bow whisk the egg yolks with half of the sugar. In another bowl or a stand mixer, whisk the egg whites until it turns into soft peaks. Once they turn into stiff peaks, gradually whisk in the salt and the rest of the sugar until well combined (do not over beat). Once the egg whites are well combined with sugar, very gently fold it into the egg yolk mixture. Finally sift the flour a little at a time into the egg mixture and fold it in even more gently. Use a spatula or wooden spoon to gently fold the dry ingredient in until just mixed. It is important fold very gently to not to deflate the batter meaning that the savoiardi would be flat and not as spongy. Use a piping bag with a plain 1.5 cm, or you could just snip the end off or use a ziplock baand fill with the batter. Pipe the batter into 12 cm (do not forget to leave some space between each to allow for spreading) .Sift the icing sugar over the savoiardi and wait for 5 minutes. Bake savoiardi for 12 minutes. Instead of the normal Savoiardi I made my sponge cake batter because I want to make a tiramisu in a glass.

Sift the icing sugar over the savoiardi and wait for 5 minutes before bake.
Then using a dough cutters round shape I made my circles, ready to be soak in the coffee

The currents of thought are many especially related to the sale and shelf life of the dessert. As for a home speech, using raw eggs is the most popular option. From a professional point of view the situation is totally different: selling products that have raw unpasteurized eggs in the mix is illegal (in Italy at least). The pastry chefs choose the Italian meringue to mix with mascarpone, custard cream or whipped cream. I prefer to use cream or custard if I do not have time to pasteurize my eggs with meringue or with pâté à bombe.

For the custard:

  • 60 gr of sugar
  • 60 gr of egg yolks (about 3)
  • 25 grams of flour (or corn starch)
  • 2 gr of salt
  • 1 Vanilla bean (or extract)
  • 300 gr of milk

I have already spoke about my custard recipe in the Pastiera post. If you want to know how to make custard, just follow these link: How to make Custard 🙂

For the Bagna al caffè or coffee mix: (lot of people like to add liquor such as Marsala or Kahlúa. It is really up to you)

  • 100 gr of water
  • 100 gr of sugar
  • 100 gr of espresso coffee

I boil the water, add the sugar and wait until it boils and off the heat I add the coffee. This will be the sopping for my savoiardi.

For the mascarpone cream:

  • 500 gr of homemade mascarpone
  • 400 gr of custard
  • 150 gr of semi-whipped cream

I work the mascarpone with the whisk and gently fold the whipped cream and the custard. Do not hurry this step and use a spatula or large spoon to fold the whipped cream in. You want to keep as much of the air in the whipped cream intact, so the tiramisu cream is light and fluffy.

The next step is assembling the tiramisu. Now it’s all about assembling the tiramisu cups, alternating layers of sponge cake and layers of mascarpone cream. Also in this passage remember to handle the cream with care, as knocking the air out of it will make it more runny. Remember to moisten the sponge cake with sweetened coffe, this needs to be done in every layer. I spread a thin layer of cream over the last sponge cake disc, then dusted the top with unsweetened cocoa powder.. and enjoy it!

We made our version of tiramisu: Tiramisu in a glass!

Tiramisu

Eh si! Abbiamo deciso di cimentarci nella riproduzione di un grande classico intramontabile: il tiramisù. Simbolo dell’Italia, sopratutto all’estero , è senza esagerare il dolce più popolare al mondo.

Mascarpone, caffè e savoiardo le  basi da cui partire per la creazione di questa delizia, una vera “botta di vita”.

Bontà, semplicità e velocità di riproduzione della ricetta lo rendono il dolce più gettonato come fine pasto o adatto a festeggiare qualsiasi evento. Ma sapete che è semplicissimo fare a casa tanto i savoiardi quanto il mascarpone?

Io e Pasquale preferiamo prepararci i biscotti da soli e un paio di volte abbiamo anche usato il nostro mascarpone restando davvero stupiti dalla sua bontà!

Il mascarpone non è altro che un fomaggio dalla consistenza spalmabile, ricavato dall’effetto dell’acido citrico sulla panna che con il calore, coagula la caseina conferendo al formaggio la caratteristica cremosità che ci piace. La coagulazione dovuta al calore e non al caglio lo rende un prodotto vegetarian friendly.

Tiramisu'

  • Servings: 4 bicchieri
  • Difficulty: media
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Cosa c'e' di piu' buono di un tiramisu' fatto in casa? E se proviamo a fare anche i savoiardi, lo e' ancora di piu'.

Ingredienti per 300 grammi di mascarpone:

  • 500 gr di panna
  • 10 gr di succo di limone ( o 8 grammi di acidi citrico in soluzione)
  • 1  gr di sale

Il termometro è essenziale per la preparazione della ricetta perche’ è il raggiungimento della panna a 85 gradi che mi permetterà di avere un buon risultato. Aggiungo il limone, mescolando di continuo e lascio andare sul fuoco per circa 10 minuti. La panna inizierà a cagliare, diventando sempre più densa e cremosa. Lascio il composto a raffreddare a temperatura ambiente per mezz’ora dopo di che trasferisco il liquido in una ciotola coperta da un canovaccio di lino e verso il futuro mascarpone all’interno: tutto il liquido in eccesso scivolerà nella boulle. Strizzo il mascarpone aiutandomi con il panno e lascio riposare in frigo per la notte. Al mattino sarà diventato compatto e cremoso, perfetto per essere utilizzato!

Photo from the web

Friabili, leggeri, spumosi, dalla forma allungata che ricorda un dito, i Savoiardi, nati a Corte Savoia, costituivano lo spuntino dei reali della dinastia. La ricetta è davvero semplice e vi garantisco che una volta provata non comprerete più i pacchi al supermercato .

Ingredienti per savoiardi:

  • 150 gr di zucchero
  • 100 gr farina
  • 4 uova
  • 2 gr sale
  • Zucchero a velo per spolverare
This image has an empty alt attribute; its file name is foto-1-2.jpg

Accendo il forno a 170 gradi. Separo i tuorli dagli albumi e monto i primi con metà dello zucchero della ricetta. Aggiungo il sale agli albumi, la parte rimasta dello zucchero e monto a neve ferma. Con una spatola aggiungo gli albumi ai tuorli, delicatamente avendo cura di non smontare il composto. Con un setaccio aggiungo poco alla volta la farina, con movimenti decisi ma delicati dall’alto verso il basso cercando di incorporare aria. Metto il composto in una tasca e porziono i biscotti facendo delle strisce di 10 cm che spolvero di zucchero a velo, ricoprendole totalmente. Cuocio per venti minuti ma il tempo è indicativo: a farla da padrone è il colore. Un bel dorato uniforme mi dice che i miei biscottini sono pronti. Una nuvola di dolcezza! Invece dei classici savoiardi, io ho steso l’impasto su una teglia, in modo tale che, una volta cotto, lo andro’ a coppare con un coppa pasta.

This image has an empty alt attribute; its file name is foto5.jpg
Non dimenticate di spolverare con dello zucchero a velo prima di infornare.
This image has an empty alt attribute; its file name is foto-3-4.jpg
Una volta cotto l’impasto, coppo la mia torta con un coppa pasta per ottenrere i miei cerchi di savoiardi, pronti da inzuppare nel caffe.

Fino ad ora abbiamo parlato della parte semplice. Si perchè la vera difficoltà sta proprio nella realizzazione della crema al mascarpone. Le correnti di pensiero sono tante sopratutto legate alla vendita e alla conservabilità del dolce. Per quanto riguarda un discorso casalingo, utilizzare le uova crude è l’opzione più gettonata. Da un punto di vista professionale la situazione è diversa: vendere prodotti che hanno nelle creme uova crude non pastorizzate è illegale (in Italia almeno). I Pasticceri scelgono la meringa italana in alleggerimento alla pâte à bombe con il mascarpone, la crema pasticcera o la panna montata. Sarà un pò la deformazione professionale (;-)), ma io preferisco usare la panna o la crema pasticcera se non ho il tempo di pastorizzare le uova con la meringa o la pâte à bombe.

Per la crema pasticcera :

  • 60 gr di zucchero
  • 60 gr di tuorli ( circa 3 )
  • 25 gr di farina ( o amido di mais)
  • 2 gr di sale
  • bacca di Vaniglia
  • 300 gr di latte

Della crema vi ho già parlato nell’articolo della pastiera, li troverete il procediemento. Io di solito la faccio la sera prima così, al momento dell’uso la mia crema sarà fredda e ben stabilizzata.

Per la Bagna al caffè:

  • 100 gr di acqua
  • 100 gr di zucchero
  • 100 gr di caffè espresso

Faccio bollire l’acqua, aggiungo lo zucchero e aspetto che bolli e fuori dal fuoco aggiungo il caffè. Questa sarà l’inzuppatura dei miei savoiardi.

Per la crema al mascarpone:

  • 500 gr di mascarpone fatto in casa
  • 400 gr di crema pasticcera
  • 150 gr di panna semimontata

Lavoro il mascarpone con la frusta. Aggiungo la panna semimontata e la crema pasticcera. Trasferisco tutto in un sac a poche.

Finalmente ho tutti gli “attrezzi “ necessari per comporre il mio tiramisù: inzuppo i Savoiardi nella bagna e alterno con la crema, strato dopo strato riempiendo tutto il bicchiere. Lascio riposare in frigo per due ore almeno.  Prima di servire, una nevicata di cacao e una grattuggiata di cioccolato fondente e.. ci tiriamo su! 🙂

This image has an empty alt attribute; its file name is foto-4-1.jpg
Questa e’ la nostra versione di Tiramisu’ al bicchiere.

Pancakes

Pancakes

PANCAKES (ITALIANO)

EASY, FLUFFY PANCAKES! 🙂

Breakfast is the most important meal of the day but it is often underestimated because we don’t have much time for prepare it and also … who wants to cook something early in the morning? For most of us, it’s not that we don’t have time to make breakfast. It’s that we don’t have time to decide what we are going to have, make it and eat it. If we haven’t made the decision ahead of time, breakfast can feel too hard.

When we are in the right mood and we want give a different touch to our day, we like to have breakfast with pancakes.

Pancakes are flat and soft cake of batter, fried on both sides in a pan and typically rolled up with a sweet or savoury filling (generally sweet) and are accompanied by maple syrup, honey, fresh fruit and jams. An energetic and delicious breakfast!

When we think of pancakes, almost immediately, we connect it to the USA. However, pancakes have been around for centuries as a favorite staple in many cultures’ diets. its origin comes from Greece, where for breakfast the people used to eat round bread muffins accompanied by honey and dried fruit. In ancient Greece and Rome, pancakes were made from wheat flour, honey, olive oil and curdled milk. Shakespeare even mentions them in his famous plays.

Only centuries later the American breakfast icon we know today were born, with the addition of baking soda as an ingredient. Most of recipes include buttermilk as an ingredient, a milk derivative that is born as a waste product from the butter processing. It is characterized by enzymes which in contact with yeast create a visible air holes. during the cooking process.

Today it is not very easy to find buttermilk in supermarkets. But I have a way: just add some lemon juice to the milk and wait about half an hour for citric acid to act on the microorganisms of the milk. On average, the dose indicated to obtain a product with almost the same acidity to buttermilk is a teaspoon of lemon juice every 250 grams of milk. I usually prepare the pancake batter the night before so that my mix can rest and stabilize overnight. The recipe is really simple.

Pancakes

  • Servings: 8
  • Difficulty: easy
  • Rating: ★★★★
  • Print

No thin, tough pancakes here. This recipe yields the most fluffy pancake!

  • 250 gr of buttermilk
  • 200 gr of flour
  • 50 gr of seed oil
  • 60 gr of sugar
  • 50 gr of eggs (1 medium egg)
  • 2 gr of salt
  • 8 gr of baking soda

I prepare the dough with an immersion blender adding all the ingredients at once. That’s because I want to mix everything quickly avoiding work the mix too much and creating gluten that will make my pancakes chewy rather than soft. I keep the batter in a narrow, tall container, cover it with cling film and let it rest into the fridge overnight. In case you just need them immediately have the patience to wait at least half an hour before start cooking.

Then I start by greasing the pan with a napkin on which I poured olive oil (or seed oil). I don’t like using butter because it has very low smoke point that would burn them. Pour or scoop the batter onto the griddle, using approximately 1/4 cup for each pancake. When I see small bubbles on the surface, I know it’s time to turn it.

Photo from the web

Brown on both sides and serve hot. Now you just have to fill them as you like and enjoy them.


Pancakes

FACILI E MOLTO SOFFICI!

La colazione è il pasto più importante della giornata ma spesso viene sottovalutato, vuoi per mancanza di tempo, ma soprattutto perchè… chi ha voglia di mettersi ai fornelli di prima mattina? Quando siamo dell’umore adatto e abbiamo voglia di dare un tocco diverso alla nostra giornata, a me e Pasquale piace fare colazione con i pancakes. Anche in Italia li preparavo ma da quando siamo in Australia succede molto più di frequente.

I pancakes sono delle morbide e invitanti “frittelle“, in genere dolci e si accompagnano a sciroppo d’acero, miele,  frutta fresca e confetture . Una colazione energica e golosa !

Quando pensiamo alla torre zuccherata di frittelline quasi nell’immediato la colleghiamo agli USA. La sua origine però viene dall’Antica Grecia, dove per colazione il popolo usava mangiare delle focaccine rotonde di pane accompagnate a miele e frutta secca. Solo secoli dopo, con l’aggiunta del bicarbonato di soda come ingrediente all’impasto, si ha la nascita dei pancakes così come li conosciamo, ambasciatori e icona della colazione Americana .

Quasi tutte le ricette a stelle e strice prevedono come ingrediente il buttermilk, un derivato del latte che nasce come prodotto di scarto della lavorazione del burro. Piuttosto acido, è caratterizzato da enzimi che a contatto con il lievito creano una maggiore alveolatura in cottura.

Per la maggiore non è semplice trovarlo nei supermercati e dovremo accontentarci di aggiungere un pò di succo di limone al latte e aspettare una mezz’ora circa in modo che l’acido citrico agisca sui microrganismi del latte. In media la dose indicata per ottenere un prodotto con l’acidità simile al buttermilk è un cucchiaino di succo di limone ogni 250 grammi di latte.

Di solito io preparo la pastella delle frittelle la sera prima in modo che il mio mix possa stabilizzarsi. La ricetta è davvero semplice.

Pancakes

  • Servings: 8
  • Difficulty: molto facile
  • Rating: ★★★★
  • Print

Preparare i pancakes in casa è davvero molto semplice. Pochi ingredienti ed il gioco è fatto!

  • 250 gr di buttermilk
  • 200 gr di farina
  • 50 gr olio di semi
  • 60 gr di zucchero
  • 50 gr di uova (1 uovo medio)
  • 2 gr di sale
  • 8 gr di bicarbonato di soda

Preparo l’impasto con un frullatore ad immersione (o blender) aggiungendo tutti gli ingredienti in una sola volta. Utilizzando un aggeggio che amalgama tutto velocemente evito di lavorare troppo l’impasto e di creare glutine che renderà i miei pancakes gommosi anzichè morbidi. Conservo la pastella in un contenitore stretto ed alto, copro con pellicola e lascio riposare in frigo per la notte . Nel caso vogliate mangiarli prima, abbiate la pazienza di aspettare almeno una mezz’ora prima di passare alla padella.

La preparazione della ricetta è davvero semplice. Il momento che richiede più attenzione è quello della cottura. Parto ungendo la padella con un tovagliolo sul quale ho versato dell’olio di oliva o semi. Non amo friggere i pancakes nel burro perchè avendo un punto di fumo molto basso li brucerebbe . Usando il tovagliolo, invece, riesco ad ungere la padella in modo uniforme ottenendo una doratura perfetta . Fiamma dolce e  quando il tegame è bollente verso al suo interno un mestolo di impasto. Qunado i bordi del pancake saranno diventati più scuri e vedo delle piccole bollicine scoppiare sulla superficie, so che è il momento di girarlo  : un colpo deciso con la spatola et voila! .

Foto dal web

Due minuti per lato sono sufficenti per cuocere le mie amate frittelline. Non resta che farcirle come più ci piace e gustare i pancakes ancora caldi!

Pastiera Napoletana

Pastiera Napoletana

LA PASTIERA NAPOLETANA (ITALIANO)

Happy Easter from us! 🐰

I must recognize that the start of 2020 is a clear continuation of the negativity of 2019 but is going fast. We are already at Easter… This unusual Easter which has deprived us of love and people. Let me say that Pasquale and I are not Catholics but we like to celebrate this holiday especially to feel closer to home.

In these days you really feel all the kilometers that separate you from your home and your habits. Imitating the mothers and grandmothers who get busy preparing all sorts of delicacies is a way to get to know yourself: I feel the traditions are part of me, they are mine and I feel I have a stronger bond with those who share them. Among the sweet and savory cakes of the Easter tradition, the real queen of the feast is undoubtedly the Pastiera Napoletana.

When it comes to history and tradition in cooking, you know, Naples is unrivaled. Ancient recipes are wisely handed down from generation to generation and the passion for their roots enrich every anniversary of the year with history. There are several legends about the origin of this dessert.

The pagan version of this cake dates back to the birth of the siren Partenope, who fell in love with our coasts and decided to live here. During the Easter period, she used to look out from the sea to greet the people of fishermen who lived along the coast and them, to thank her, used to offer her this dessert with the flavor of spring.

Beyond the charm of myth and legends, the pastiera is a cake deeply linked to the Christian tradition. It is most likely that the pastiera was created on Holy Thursday, in a monastery in San Gregorio Armeno, by some nuns who were experts in cooking and who wanted to give thanks to the resurrection of Jesus Christ. For this reason, they have used ingredients that would symbolize this event. We remember: wheat, symbol of the Resurrection because the wheat is buried and then reborn from the earth; eggs, because they are a symbol of fertility and birth and the orange blossom whose scent recalls the Neapolitan gardens in bloom in spring in the typical Easter period.

Photo from the web

Anyway, both legends agree on the number and meaning of the shortbread strips that characterize the surface of the pastiera. Seven strips of pasta that cross to form squares to represent the layout of the historic center of ancient Naples.

This image has an empty alt attribute; its file name is untitled-5.jpg
Photo from the web

It is the traditional dessert and requires specific ingredients to make it. Living in Sydney, finding everything I needed was difficult but the final result made me happy and satisfied my flatmates who were happier to eat it. I was enough lucky to find cooked wheat in the Italian quarter. However, I did not have the same fate with the orange blossom which I omitted and replaced with the zest of two oranges.

As I usually do, I prepare the base of my Pastiera the previous day. It is a particular pastry that has lard (pork fat) as fat which gives it flavor and crispness. In case you don’t want to use it, you can choose between seed oil, following the same weight as the recipe or the butter by adding about 20more grams.

Pastiera Napoletana

  • Servings: 1
  • Difficulty: medium
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Pastiera napoletana is a fragrant wheat cake recipe traditionally eaten during Easter in Italy.

For the base (26 cm mold) :

  • 140 gr plain flour
  • 200 gr of lard (or seed oil)
  • 175 g of sugar
  • 1 gr of salt
  • 135 gr of water
  • 1 egg yolk •
  • vanilla bean
  • 1 lemon zest and 1 orange zest

I start with lard, sugar, vanilla and citrus peels. Once the ingredients are mixed, I proceed with the addition of water and eggs and finally add the flour. I create my usual dough, stick it properly and let it rest in the fridge.

Custard (we need 100 grams ):

  • 300 gr of fresh milk
  • 2 egg yolks
  • 50 gr of sugar
  • 1 vanilla bean (or vanilla paste)
  • 2 gr of salt
  • 25 gr of flour
  • Peel of 1 orange

I start with egg yolks, sugar, aromas and salt and I whisk the mixture slightly. I add the sifted flour and whisk the mixture with the boiling milk. Once all the liquids have been added to my mixture, I transfer all into a saucepan and start to cook the cream, turning with the whisk until it has become creamy. I quickly put my cream in a container, cover it with some cling wrap and let it cool in the fridge until the following day.

For the Filling:

  • 560 gr cooked wheat
  • 400 gr of ricotta
  • 400 gr of sugar
  • 100 gr of custard
  • 350 gr of whole eggs (about 7 medium eggs)
  • 70 gr of candied orange
  • 10 gr orange blossom aroma (in alternative 2 oranges zest)
  • 2 gr of cinnamon
  • 2 gr of salt

The wheat is already cooked, but to make it softer and tastier, I prefer to cook it in a liter of milk, some orange and lemon zest, cinnamon, 20 gr of lard and 5 gr of salt. Bring on a low heat and let it go until the liquids are completely absorbed, (making sure that it does not stick to the bottom of the pot). Once cooked I blend half of it.

Sift the ricotta and in a large bowl I add all the ingredients of my filling. Ricotta, sugar, custard, wheat, cinnamon, citrus peel, a pinch of salt and the filling is ready to be poured into the mold already lined with pastry. And do not forget to keep some dough aside for the seven strips of our Pastiera. Put the cake in the oven at 180 degrees for about 45 minutes.

During cooking it will rise due to the humidity of the filling that evaporates but once out the surface will level out. As soon as the dessert is cold, a sprinkling of icing sugar and.. it is ready to eat! Enjoy! 🙂


La Pastiera Napoletana

Buona Pasqua da noi! 🐰

Devo riconoscere che se pur carico di brutte notizie al limite dell’inimmaginabile questo 2020 sta passando in fretta. Siamo già a Pasqua…

Una Pasqua insolita questa… ci ha in un certo senso privati del suo significato più profondo: stare con chi amiamo e vogliamo bene. Io e Pasquale non siamo cattolici ma ci pace comunque celebrare le festitività sopratutto per sentirici più vicini a casa.

Proprio in questi giorni senti davvero tutti i chilometri che ti separano dalla tua casa e dalle tue abitudini. Imitare le mamme e le nonne che si danno da fare preparando ogni sorta di manicaretto è un modo per conoscere se stessi: nel rispettare le tradizioni mi sento parte di esse, le sento mie e sento di avere un legame più forte con chi le condivide. Tra le torte dolci e salate della tradizione pasquale la vera regina della festa è senza dubbio la Pastiera. La sua nascita ha origini davvero antiche e come tante altre legende della città di Napoli, nasce dalla fusione di elementi religiosi e pagani che rendono la cultura partenopea unica nel suo genere, in bilico tra mistero e magia. La Pastiera, si narra sia nata dalle mani della sirena Partenope, fondatrice della stessa città di Napoli, come ringraziamento ai doni rappresentanti la natura provenienti dal popolo della città: la farina come simbolo di ricchezza, la ricotta segno di abbondanza, le uova sinonimo la fertilità, il grano cotto nel latte monito della fusione di regno animale e vegetale, le arancie e i suoi fiori, il profumo della Campania e del Mediterraneo, la cannella risaputo omaggio di ogni popolo e lo zucchero come simbolo di dolcezza. La nascita di questo amato dolce viede ricondotta anche alle monache del convento di San Gregorio Armeno che la preparavano il giovedì santo per celebrare la rinascita di Gesù e degli uomini.

Foto dal web

Pagana o cattolica sia la sua origine, entrambe le leggende sono daccordo sul numero e significato delle strisce di pasta frolla che caratterizzano la superficie della pastiera. Sette stricie di pasta che si incrociano formando dei quadrati per rappresentare la planimetria del centro storico dell’antica Napoli.

This image has an empty alt attribute; its file name is untitled-5.jpg
Foto dal web

La pastiera è il dolce della tradizione e necessita per la sua realizzazione di ingredienti specifici. Vivendo a Sydney trovare tutto l’occorrente mi è risultato difficile ma il risultato finale mi ha reso felice e ha soddisfatto i miei coinquilini che hanno potuto mangiarla per i miei amici la rifarò in tempi meno sospetti). Sono stata molto fortunata a trovare il grano cotto nel quaritere italiano. Stessa sorte, però, non l’ho avuta con i canditi e l’acqua di fiori di arancio che ho omesso e sostituito con le zeste di due arancie.

Come faccio di solito per le frolle  prepararo la base della mia Pastiera la sera precedente. SI tratta di una frolla particolare che come grasso ha lo strutto (il grasso di maiale) che conferisce gusto, friabilità e maggiore manualità quando la andrò a lavorare. Nell’evenienza vogliate optare per un altro grasso, potete scegliere tra olio di semi, seguendo la stessa grammatura della ricetta o il burro aggiungendone circa 20 grammi rispetto la ricetta.

Alla ricotta e al grano aggiungo sempre una parte di crema pasticcera che preparo in precedenza.

Vediamo praticamente come fare il nostro dolce pasquale .

Pastiera Napoletana

  • Servings: 1
  • Difficulty: Media
  • Rating: ★★★★★
  • Print

La pastiera è un dolce pasquale partenopeo a base di pasta frolla ripiena con ricotta, grano bollito e canditi.

Pasta frolla con strutto (stampo da 26 cm)

  • 140 gr farina
  • 200 gr di strutto
  • 175 gr di zucchero
  • 1 gr di sale
  • 135 gr di acqua
  • 1 tuorlo
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 limone (scorza)
  • 1 arancia (scorza)

Procedo come una frolla normale: unisco lo strutto, lo zucchero, la vaniglia e le buccie di agrumi. Prepararla a mano putrebbe risultare un pò antipatico per la consistenza dello strutto, ma vi garantisco che dopo il riposo in frigo il prodotto sarà anche molto più semplice da lavorare piuttosto che una frolla al burro. Una volta amalgamati gli ingredienti procedo con l’aggiunta di acqua e le uova ed infine aggiungo la farina. Creo il mio solito panetto, lo impellicolo a dovere e lo lascio riposare in frigo.

Crema pasticcera ( ne occorrono 100 grammi )

  • 300 grami di latte
  • 2 tuorli
  • 50 grammi di zucchero
  • 1 bacca di vaniglia
  • 2 grammi di sale
  • 25 grami di farina
  • Buccia di 1 arancia

Preparo le uova con lo zucchero , gli aromi e il sale e con la frusta inizio a montare leggermente il composto. Aggiungo la farina setacciata, per non creare grumi e stempero il composto con il latte che ho messo a bollire sul fuoco. Una volta aggiunto tutto il liquido al mio composto, lo trasferisco nel pentolino e inizio a cuocere la crema girando con la frusta in cottura fino a quando non è diventata cremosa. Sposto velocemente la mia crema in un contenitore, metto la pellicola a contatto e lascio raffreddare in frigo fino al giorno seguente.

Ripieno della Pastiera

  • 560 gr di grano cotto
  • 400 gr di ricotta di pecora
  • 400 gr di zucchero
  • 100 gr di crema pasticcera
  • 350 gr di uova (circa 7medie)
  • 70 gr di canditi
  • 10 gr aroma di fiori di arancia (o la scorza di due arance)
  • 2 gr di cannella
  • 2 gr di sale

Il grano è già cotto, ma per renderlo più morbido e saporito, mi piace ricuocerlo in un litro di latte, la scorza di arance e limoni, la cannella, 20 grammi di strutto e 5 grammi si sale. Porto sul fuoco dolce e lascio andare fino al totale assorbimento dei liquidi, facendo attenzione che non si attacchi al fondo della pentola. Una volta cotto io ne frullo una metà, il grano e’ troppo invadente per la masticazione.

Setaccio la ricotta per eliminare il siero aiutandomi con un colino a maglia fine e in una ciotola grande aggiungo tutti gli ingredienti del mio ripieno, sempre con una frusta. Ricotta, zucchero, crema pasticcera, grano, cannella, scorze di agrumi, l’immancabile pizzico di sale e il ripieno è pronto da colare nello stampo già foderato di frolla. Mi raccomando di tenere un pò di impasto da parte per le sette stiscie della Pastiera.

Metto in forno a 180 gradi per circa 45 minuti. In cottura si alzerà a causa dell’umidita del ripieno che evapora ma una volta fuori dal forno la superficie della pastiera si livellerà. Appena il dolce è freddo una spolverata di zucchero a velo et voilà! Godetevi il vostro dolce di Pasqua! 🙂

Lemon Tea Cookies

Lemon Tea Cookies

BISCOTTI AL LIMONE (ITALIANO)

Shortbread, frolla, cookies, ladyfingers, grinders. The fresh smell of butter, the fragrance and the crunchiness under the teeth. The biscuits to be drenched in milk or to accompany an afternoon herbal tea are a pleasure.

Making cookies is one of my favorite way to spend time. Soft and fluffy biscuits with butter or dried biscuits with honey and almonds, With chocolate and flaky salt or to be dipped in coffee and ‘Passito’ (typical sweet Italian dessert wine), it is important that they are cooking well to avoid that time changes the crunchiness and taste.

Today I want to talk about one of my favorite recipes: lemon cookies. So simple and you will not believe how good they are! Crunchy on the outside, and chewy inside with an intense lemon scent, these biscuits are truly irresistible (I’m eating one right now). 😉

That’s my recipe ( 30 biscuits of 18 grams ea)

  • 100 gr butter (room temperature)
  • 80 gr caster sugar
  • 40 gr raw sugar (facoltative, instead you can use 120gr of caster sugar)
  • 1 large egg (50gr)
  • 1 organic lemon
  • 5 gr of salt
  • 300 gr of flour
  • 6 gr of baking powder
  • Caster sugar for the cover
  • Icing sugar for the cover

I start with the sugars and the butter, salt and lemon zest and mix these ingredients. Then I add the egg and the lemon juice and when the mixture is well mixed, I add the flour and the yeast. Mix all ingredients with your hand until the mixture forms a soft dough that leaves the side of the bowl and doesn’t stick to your hand. Cover it with some cleaning wrap and leave the dough to rest in the fridge for at least one hour.

15 minutes before the time runs out, I turned on the oven and point to 180 Celsius degree, or 356 F (non ventilated). Roll cookie dough into balls of 18 grams each. Pour caster sugar and icing sugar (the ones for the cover) into two different small dishes not too much larger than the size of your dough balls. Gently drop dough ball first into the bowl with caster sugar and then icing sugar, and swirl the dish around. The dough ball will slide around the dish and become coated on the bottom and up the sides.

Place the balls about 3cm apart on the lined trays with baking paper.

Cook for about 15 minutes or until the biscuits rise, are slightly cracked on top and are light golden underneath. Remove the biscuits from the oven and set aside to cool for about 3 minutes before using a spatula to transfer to a wire rack to cool completely. Enjoy! 🙂


Biscotti al Limone

Frollini, frolla montata, cookies, savoiardi, macine. Il profumo del burro, la fragranza e la croccantezza  sotto i denti. I biscotti da inzuppare nel latte o da accompagnamento ad una tisana pomeridiana, sono un piacere, una piccola festa che rallegra per istanti il palato.

Fare i biscotti è uno dei miei passatempi preferiti. Morbidi con il burro o secchi con miele e mandorle, con il cioccolato e il sale o da tuffare nel caffe’ e nel passito, è importante che la loro cottura sia fatta a regola d’arte per evitare che il tempo ne modifichi la croccantezza e il gusto.

Oggi voglio parlare di una delle mie ricette preferite: i biscotti al limone . Così semplici da realizzare al punto da non credere a quanto siano buoni!

Croccanti all’esterno, dal cuore morbido e dal profumo intenso di limone, questi biscottini sono davvero irresistibili (ne sto mangiando uno proprio adesso). 🙂

Provare per credere!

Questa la mia ricetta ( per 30 biscotti da 18 grammi):

  • 100 gr burro a temperatura ambiente
  • 80 gr zucchero semolato
  • 40 gr zucchero di canna (facoltativo, rende i biscotti piu’ morbidi all’interno, ma in alternativa potete usare 120 gr di zucchero semolato)
  • 1 uovo medio (circa 50gr)
  • 1 limone
  • 5 gr di sale
  • 300 gr di farina
  • 6 gr of lievito per dolci
  • Zucchero semolato e Zucchero a velo per la copertura

Ho lavorato a mano gli zuccheri con il burro, il sale e la buccia grattuggiata del limone. Ho unito l’uovo e il succo del limone e quando il composto si è ben amalgamato, ho aggiunto la farina e il lievito .

Ho impastato fino a ricavarne un panetto. Ne ho fatto un rettangolo che ho impellicolato e lasciato riposare in frigo per un’oretta.

Trascorso il tempo di riposo , ho acceso il forno a 180 gradi (non ventilato) e formato con l’impasto delle palline di 18 grammi. Ogni pallina va rotolata prima nello zucchero semolato, poi in quello a velo .

Ricoperte di zucchero, le ho  disposte sulla teglia foderata con carta da forno, leggermente distanti tra lor , data la presenza di lievito che ne aumenterà il volume in cottura.

Ho tenutoi biscotti in forno non più di 13 minuti, per evitare che scurissero. Al momento di sfornare ho notato sulla superficie tante piccole crepe, caratteristica peculiare assieme al profumo e alla morbidezza di queste piccole delizie.  ATTENZIONE !!!  Creano dipendenza! 😉