Brioche

BRIOCHE (ITALIANO)

Breakfast is often described as the most important meal of the day, providing as it does sustenance and energy for whatever activities lay ahead. A soy cappuccino and some biscuits are all the food I can eat as soon as I wake up. In Italy I usually have cappuccino with a nice brioche. Anyone like me who lives in this side of the world knows how much people love to eat a salty breakfast such as egg and bacon at morning accompanied by a brioche or a croissant. Filled with cream, with a sprinkling of icing sugar or to accompany two poached eggs, these soft and round buns are the perfect breakfast.

There are many variations of brioches and its origin, disputed between France and Vienna is still uncertain. Its taste and simplicity in making it, make the Brioche a leavened product loved and eaten all over the world. Using a Kitchen Aid will obviously make the job faster and more efficient but if you don’t have it you can always use the hands: armed with a lot of patience and elbow grease, the result is guaranteed!

Brioche

  • Servings: 8
  • Difficulty: hard
  • Rating: ★★★★★
  • Print

It has a soft and fluffy texture, and a sweet buttery flavor. Part bread and part pastry, there's a fair amount of hype around Brioche.

  • 250 gr of flour (Manitoba or a high protein content flour)
  • 15 gr of fresh yeast (7 gr if you have the dehydrated one)
  • 25 gr of milk
  • 125 gr of eggs (3 medium egg)
  • 5 gr of salt
  • 38 gr of sugar
  • 70 gr of butter (at room temperature )

I start the dough with flour, baking powder, milk and half of the eggs. I create a mix using a fork or just put everything in a KitchenAid. I add the salt, sugar and the remaining eggs. When the dough starts to become smooth and homogeneous, I add butter at room temperature and let the dough working for about 15/20 minutes. When the dough is homogeneous I let it rise for an hour at room temperature and covered with a cloth.

After this time I fold the dough again (find the explanation of how to fold it at the bread post) to help the leavening. Deflate the dough, cover with plastic wrap, and refrigerate for at least 2 hours. The dough can rest in the fridge up to 12 hours, so I can organize the times as I prefer. After the two hours turn the dough out onto a lightly floured surface. Divide the dough into pieces of 65 grams , form into loaves and place into prepared pans.

Brush the loaves or rolls with a mixture of milk, eggs and a pinch of salt. Cover with greased plastic wrap and let rise until doubled in volume, about 90 minutes.

Then I brush again the rolls which have now become much larger and I bake them at 200 Celsius degrees (almost 400 F) for about 15 minutes or until a deep golden brown. Let the loaves cool in the pans for 10 minutes before moving them to wire racks to cool completely.

You can fill the brioches according to your taste: jam, Nutella, custard or why not mayonnaise and Hungarian salami. Use your imagination and.. hunger of course! 🙂


Brioche

La colazione è il pasto fondamentale della giornata, quello da cui trarre l’energia necessaria per affrontate la giornata. Spesso siamo di fretta e il tempo da dedicare a mangiare qualcosa prima di iniziare la giornata è sempre di meno. Io per prima non faccio quasi mai una colazione abbondante: un cappuccino di soia e qualche biscotto sono tutto quello che riesco a mandar giù appena sveglia. In Italia di solito accompagno il cappuccino con una bella brioche. Chi, come me, vive all’estero sa quanto le persone da questo lato del mondo amino mangiare al mattino uova e bacon, a volte accompagnate da un croissant o una brioche. Ripiena con la crema, con una spolverata di zucchero a velo o per accompagnare due uova in camicia, questi morbidissimi e rotondi paninetti sono la colazione perfetta.

Al mondo ne esistono tantissime varianti e la sua origine, contesa tra Francia e Vienna è tutt’ora incerta. Il suo gusto e la semplicità nel produrla (tralasciando i tempi di lievitazione), rendono la Brioche un lievitato amato e mangiato in tutto il mondo .

Usare un’impastatrice renderà il lavoro ovviemente più veloce ed efficente  ma non avendo in casa gli attrezzi adatti io lavoro a mano: armata di tanta pazienza e olio di gomito, il risultato è garantito!

Brioche

  • Servings: 8
  • Difficulty: difficile
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Chi di voi non ha mai assaggiato una brioche di pasticceria appena sfornata, soffice, morbida e profumata? Con la nostra ricetta potrete prepararla per la colazione e stupire la vostra famiglia!

  • 250 gr di farina (Manitoba o con un alto W)
  • 15 gr di lievito fresco ( 6 gr se avete quello disidratato)
  • 25 gr di latte
  • 125 gr di uova
  • 5 gr di sale
  • 38 gr di zucchero
  • 70 gr di burro a temperatura ambiente

Inizio l’impasto con la farina, il lievito, il latte e metà delle uova. Creo una pastella con l’aiuto di una forchetta o metto tutto in macchina (se solo l’avessi). Aggiungo il sale, lo zucchero e le uova rimaste. Quando il panetto inizia a diventare liscio ed omogeneo, aggiungo burro a temperatura ambiente. Il lavoro sarà un po faticoso perchè per ottenere un’incordatura decente, devo impastare per circa 15/20 minuti.

Quando mi iniziano a far male le braccia… scherzo, quando l’impasto sara’ omogeneo, lo lascio lievitare un ora a temperatura ambiente, coperto con un canovaccio. Trascorso questo tempo ripiego l’impasto dando una piega (trovate la spiegazione di come fare le pieghe nell’articolo dedicato al pane) per aiutare la lievitazione. Lo metto poi in una bowl, lo copro e lo ripongo in frigo per due ore. L’impasto può riposare in frigo per un massimo di 12 ore, posso perciò organizzare i tempi come preferisco. Trascorse le due ore (perchè io sono golosa e voglio mangiare le brioches il prima possibile), stacco dei pezzi dall’impasto di 65 grammi aiutandomi con una bilancia, formo delle pagnotte e le pirlo, cioè arrotondo l’impasto facendolo girare sul piano da lavoro, dando una forma sferica regolare alle mie palline. La pirlatura mi aiuterà ad avere una crescita regolare dell’impasto durante la lievitazione.

Posiziono le mie piccole brioche nella teglia con carta forno, distanti le une dalle altre e le spennello con una miscela di latte, uova e un pizzico di sale. Lascio lievitare per un’ora e mezzo. Non dimenticate di coprirle ancora con un torcione.

Rispennello le mie belissime palline che adesso sono diventate molto piu grandi e le inforno a 200 gradi per 15 minuti circa.

Quando avranno un colore dorato le tiro fuori, spolvero con zucchero a velo e me le godo!

Le Brioche posso essere farcite come più ci piace : marmellata, Nutella, crema pasticcera o perche’ no maionese e salame ungherese. Date sfogo alla fantasia e.. alla fame!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s