Homemade Bread

Homemade Bread

PANE FATTO IN CASA (ITALIANO)

Its use as a basic food dates back to the Egyptians, but its production was improved by the Romans, the first people who realized the importance of having to wait long times to obtain the leavening. Their ingenious and rudimentary introduction made the dough more digestible, since the fermentation of the microorganisms present in the flour and water began a sort of leavening. Three ingredients that expertly mixed together give life to a fundamental pillar of nutrition at a global level: • Flour • Water • Yeast.

Salt and sugar play specific roles in helping gluten formation and yeast action, but their use is optional. Anyway being aware of the characteristics of these ingredients and the physical and biochemical dynamics that come into play could be useful and why not “fun”.

Flour is the fundamental element to obtain a good product and a good levitation. For make the bread, it is important to think about humidity, acidity and its protein content. Basically we would need a “strong” flour, that is able to absorb the water during the dough, retain the carbon dioxide created by fermentation and making the final product voluminous and with airy pores. The strength of the flour is determined by the quantity and quality of the gluten, the elastic and spongy structure that supports the dough. It is the main structure of the dough and comes out of the mechanical work between water and flour. Gluten = flour + water + energy. Here proteins come into play: a flour rich in proteins ​​will produce a gluten suitable for long leavening.

Thanks to water the dough and glutinic net are created. Its hardness affects the final result because the higher the content of mineral salts in the water, the harder our dough will be. It is also essential for the activity of the yeast.

The yeast, which is definitely very asked these days! I won’t hide from you that when I found the dehydrated one at the supermarket, I was so moved! The yeast is a mushroom, it feeds of dough’s sugar which transforms into carbon dioxide, which is responsible for the creation of the typical bubbles of the final product. There are three types of yeast:

1. Compressed yeast, made up of two thirds of water and one third of proteins, carbohydrates and fiber. It is a mushroom that begins to reproduce in the presence of oxygen thanks to the presence of the air incorporated during the mixing phases. Once the oxygen is over, it triggers a fermentation mechanism that produces ethyl alcohol and a part of carbon dioxide that it is used for make airy pores and reinflate the dough, before and during cooking.

2. Dry yeast, like the baking powder, is made up of bicarbonate and ammonia, agents that in contact with water create carbon dioxide. This type of yeast is much used in pastry. Sometimes it is also used for make cakes and biscuits because makes the product more softness.

3. Sourdough or “Mother yeast” comes from a dough made of flour and water and an element that activates the fermentation process. It is far preferred in the professional field because because gives the product a very particular smells and flavor. And in addition it promotes greater product shelf life. At home, starting a mother yeast and taking care of it requires sacrifice: it requires attention as a puppy, including refreshments, baths, temperature control and the search for suitable places to his rest.

My goal is to demonstrate that obtaining a decent product at home is possible. We only need one more ingredient: patience.

Homemade Bread

  • Servings: 1
  • Difficulty: Hard
  • Rating: ★★★★★
  • Print

This easy white bread recipe bakes up deliciously golden brown

  • 300 gr flour for bread
  • 100 gr plain flour
  • 350 gr of water (room temperature)
  • 8 grams brewer’s yeast (or 4 grams dehydrated yeast)
  • 10 gr of salt
  • 5 gr of sugar

In half dose of water provided, dissolve the yeast and sugar. In a bowl add the flours, the other part of the water and start mixing with the help of a fork. Then add the water with the yeast and sugar, salt and mix the ingredients, but not too much. My dough is not smooth, but it is what I want.

I leave to rest for 15 minutes and with a spatula I gently swirl the dough making sure that the part on the surface goes underneath. The mix is now much smoother. I leave to rest for another 15 minutes and repeat this operation for two times. After the second time I cover it with a cling wrap and make a small hole on it and put the bowl in the fridge for about 15 hours. I told you to arm yourself with patience, didn’t I?

This dough specifically needs a rest time ranging from a minimum of 8 hours to a maximum of 24. So organizing is not difficult: it can be made in the morning and the next day is ready to cook. After the waiting time, I pull my dough out of the fridge and this should be the result.

Now I start turn it upside down on a well-floured work surface. And then I widening it up to obtain a rectangle. Now we need to start to fold the bread dough.

To create the first fold, pick up one of the sides of the dough (on the right or the left) and fold it a third of the way over the rest of the dough. Brush off any excess flour. The second fold is like folding a letter. Pick up the opposite side of the dough that you folded and stretch it over the first fold, laying it on top. Brush off the extra flour. To make the third fold, grab the top edge of the rectangle (the side farthest from you) and pull in toward you, folding it ​one-third of the way. Now it is time for the final fold. Fold the piece of dough closest to you (the bottom edge) over the other folds which will now create a square. And then return the dough back to the bowl. Be sure to floured it before place the dough in the bowl.

Here’s the video of folding the bread dough.

Leave it rest for 45 minutes. After that time repeat the operation for a total of 4. After all this operations I finally turn on the oven at 230 Celsius degrees (or 445 Fahrenheit). We now need to adding steam to our oven.

But first, let’s take a moment to consider the importance of scoring your bread before baking. Scoring the loaf provides a strategic vent to release fermentation gases during baking. Good scoring, along with proper steaming, allows your loaf to open up fully. Without scoring your loaf is likely to burst open at weak spots and end up oddly shaped and constricted.

Well, the simplest method of adding steam to your oven is to spray the loaf with warm water prior to putting it into the oven. Spray the oven once the bread is loaded, and then again about 5 minutes into the bake. Another method is to pour about 1 cup boiling water into a preheated cast iron frying pan on the shelf below.

When everything is ready and the water is boiling it is time to start. Put the bread into the oven and cook it for about 20 minutes. Lower the temperature at 220 Celsius degrees (427 F) and then cook it for another 15 minutes and voila the bread is ready!

Let it cool down before cut it. It’s important to allow bread to cool all the way, or until it’s just barely warm, to complete the cooking process before cutting. Enjoy!


Pane fatto in casa

Un odore che inebria la cucina. I ricordi e le emozioni sono un fiume in piena. Tre ingredienti che creano la vita. Si il pane è proprio questo: vita.

Il suo utilizzo come alimento basilare risale addirittura agli Egizi, ma la sua produzione venne migliorata dai Romani, i primi a rendersi conto dell’importanza di dover aspettare tempi lunghi ottenendo una sorta di lievitazione. La loro geniale intuizione rendeva l’impasto più digeribile, in quanto dalla fermentazione dei microorganismi presenti nella farina e nell’acqua iniziava, se pur rudimentale, una sorta di lievitazione.

Tre ingredienti come vi dicevo che, sapientemente miscelati tra loro, danno vita ad un pilastro fondamentale dell’alimentazione a livello globale:

  • La farina
  • L’acqua
  • Il lievito

Sale e zucchero svolgono dei ruoli specifici nell’aiuto della formazione del glutine e dell’azione del lievito, ma il loro utilizzo è facoltativo.

Che sia per curiosità o per passare il tempo, essere a conoscenza delle caratteristiche di questi ingredienti e delle dinamiche fisiche e biochimiche che entrano in gioco potrebbe essere utile e perchè no divertente.

La farina è l’elemento fondamentale per ottenere un buon prodotto e una buona levitazione. Per fare il pane è importante tener conto della sua umidità, dell’acidità e del suo contenuto proteico. In sostanza avremmo bisogno di una farina “forte”, cioè in grado di assorbire l’acqua durante l’impasto, trattenere l’anidride carbonica creata dalla fermentazione, rendendo il prodotto finale voluminoso e con una alveolatura (l’insieme delle bollicine rotonde che si formano all’interno) ben sviluppata. La forza della farina è determinata dalla quantità e qualità del glutine, la struttura elastica e spugnosa che sostiene praticamente l’impasto. E’ la struttura principale dell’impasto e viene fuori dal lavoro meccanico tra l’incontro farina e acqua. Glutine = farina + acqua + energia. Qui entrano in gioco le proteine: una farina ricca in poteine produrrà un glutine adatto alla lunga lievitazione.

Per essere più specifici, se volessimo fare il pane a casa sarebbe ideale comprare la farina Manitoba in quanto è ricca di proteine e di conseguenza di glutine, il che la rende adatta alla creazone di prodotti che devono lievitare per molte ore.

Grazie all’acqua, fondamento della stessa vita, si crea l’impasto e la maglia glutinica. La sua durezza pregiudica il risultato finale perchè tanto più è alto il contenuto di sali minerali presenti nell’acqua, tanto più il nostro impasto risulterà duro.

E’, inoltre, il mezzo indispensabile per l’attività del lievito.

Si, ci sto arrivando. Il famigerato lievito, che va decisamente a ruba di questi tempi! Non vi nascondo che quando al supermercato ho trovato quello disidratato, mi è scesa una lacrima di commozione! Definirlo un argomento vasto è riduttivo. Innanzitutto è un fungo, si nutre degli zuccheri dell’impasto che trasforma in anidride carbonica, responsabile quest’ultima della creazione delle bollicine tipiche del prodotto che vogliamo ottenere. Esistono tre tipologie di lievito:

  • Lievito compresso, formato per due terzi di acqua e un terzo da proteine, carboidrati e fibre. E’ un fungo, che in presenza di ossigeno, inizia a riprodursi grazie alla presenza dell’aria inglobata durante le fasi di impasto. Finito l’ossigeno, innesca un meccanismo di fermentazione che produce alcol etilico e la parte di anidride carbonica che serve per alveolare e rigonfiare gli impasti, prima e durante la cottura.
  • Lievito chimico, baking powder o Pan degli Angeli, è formato da bicarbonato e ammoniaca, agenti che creano anidride carbonica a contatto con acqua o in cottura. Questa tipologia di lievito è maggiormane usata in pasticceria: torte e biscotti alle volte ne prevedono l’utilizzo a beneficio della sofficità.
  • Il lievito madre nasce spontaneamente da un impasto composto da farina e acqua e un elemento che attiva il processo di fermentazione. E’ di gran lunga preferito in campo professionale perchè conferisce ai prodotti odori e sapori molto particolari. Dotato di un’acidità elevata, favorisce una maggiore conservabilità del prodotto. Ciò nonostante iniziare un lievito madre e prendersene cura in modo da avere un lievito pronto all’utilizzo, a livello domestico comporta numerose problematiche: richede attenzioni alla pari di un cucciolo, tra rinfreschi vari, bagnetti, controllo di temperatura e la ricerca di luoghi adatti al suo riposo.

E’ un discorso davvero lungo che riprenderemo tra qualche tempo. Il mio intento, dopo questa infarinatura (stiam pur sempre facendo il pane) è dimostrare che ottenere un prodotto decente a casa è possibile. Abbiamo bisogno solo di un ulteriore ingrediente : la pazienza.

Pane fatto in casa

  • Servings: 1
  • Difficulty: Difficile
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Pane fatto in casa: una pagnotta di grano tenero cotta nel forno di casa, croccante fuori e morbida dentro!

  • 300 gr farina Manitoba
  • 100 gr farina 00
  • 350 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 8 gr lievito di birra (o 4 grammi lievito disidratato)
  • 10 gr di sale
  • 5 gr di zucchero

Preferisco avere un impasto molto leggero, per niente incordato dall’azione meccanica dell’impasto, in quanto ci penserà il glutine in lievitazione e poi in cottura a darmi l’effetto che desidero. In metà dose di acqua prevista della ricetta, scioglo il lievito e lo zucchero. In una bowl peso le farine, l’altra metà dell acqua ed inizio a mescolare con l’aiuto di una forchetta. Aggiungo poi la restante acqua con il lievito e lo zucchero, il sale e amalgamiamo gli ingredienti ma non troppo. Il mio impasto non è liscio, ma è quello che voglio. Lascio riposare per 15 minuti e con una spatola delicatamente faccio roteare l’impasto facendo si che la parte in superficie vada sotto. Il composto adesso risulta molto piu liscio. Lascio riposare ancora 15 minuti e ripeto questa operazione tre volte. Dopo la terza volta lo copro con della pellicola sulla quale ho fatto un piccolo buchetto e ripongo la bowl nel frigo per 15 ore circa. Vi avevo detto di armarvi di pazienza no? 🙂

Questo impasto nello specifico ha bisogno di un tempo di riposo che va da un minimo di 8 ore ad un massimo di 24. Dunque organizzarsi non è difficile: si impasta la mattina e il giorno dopo è pronto da cuocere . Trascorso il tempo di attesa, l’impasto dovrebbe risultare cosi.

Tiro il mio impasto fuori dal frigo e lo capovolgo sul piano da lavoro ben infarinato. Lo lavoro in modo da permettergli di crescere in altezza ed in modo omogeneo, allargandolo fino ad ottenere un rettangolo. Vado a piegare in lato del rettangolo fino alla metà della sua altezza, così poi con l’altro lato. Ottengo un rettangolo più sottile i cui lati vado a piegare alla stessa maniera. Ho formato una sorta di pallina che rigiro e ripongo nella bowl infarinata per circa 45 minuti, dopo i quali ripeto l’operazione delle pieghe per un totale di 4 volte.

Ecco il video di come dare le pieghe al pane

Al suono dell’ultimo timer che mi ricorda che son passati gli ultimi 45 minuti dalla quarta piega, finalmente, accendo il forno a 230 gradi. Sul livello più basso ripongo una piccola teglia con dell’acqua. E’ il vapore creato che formera’ la crosta al mio pane.  20 minuti con forno statico più altri 15 a 220 gradi e il mio pane è cotto.

Il tempo di diventare freddo o tiepido (con la nutella che bontà!) ed è perfetto da mangare! Credetemi saranno le 24 ore di attesa meglio spese della vostra vita! Impasto il pane ogni due giorni, non lo stiamo più comprando e sono davvero soddisfatta del risultato ottenuto con zero fatica. 🙂

Homemade Mayonnaise

Homemade Mayonnaise

HOMEMADE MAIONESE (ITALIANO)

Hello guys, as you all know, we are chefs and because of this we try to make everything we can think about it at home. In this post I want to talk about the homemade mayonnaise.

The homemade mayo is quick and easy to prepare and tastes fantastic served with many dishes: fish, salad, burgers and much more.

Making your homemade mayonnaise is a much healthier option since there are no preservatives and other chemicals used in the store-bought mayo. Then here’s my recipe:

INGREDIENTS: (for almost 150 gr of mayo)

  • 1 egg yolk (room temperature)
  • 1/2 lemon juice
  • 125 gr of vegetable oil
  • 1 Tbs of rice wine vinegar (more lightly)
  • 1,5 gr of salt
  • pinch of Black Pepper

Well for the preparation, put all the ingredients into a bowl (or a tall, narrow container, if you want to use the blender). Follow this order: egg yolk, a small amount of lemon juice, oil, salt, pepper, the remaining part of lemon juice, and in the end the vinegar.

Ok, let’s start with egg yolk and a part of lemon juice and start to whisk (or insert the immersion blender and turn it on at medium speed). After few seconds the mixture will begin to emulsify and will look like mayo.

Pour in the veg oil and keep whisking it, (now you can move the immersion blender up and down to incorporate it) but use just a 50% of it.

After pour in the remaining part of the lemon juice and then the remaining part of the oil. Finish to whisk it (or finish to mix with blender) and at the end seasoning with salt, a pinch of pepper, and vinegar. Enjoy!

N.B. I recommend you to store the mayonnaise in the fridge and consume it within three days.

Are you a mayonnaise lover? 🙂

Homemade maionese

Ciao ragazzi, come già tutti sapete, entrambi in famiglia siamo chef e quindi, per questo motivo, preferiamo preparare quasi tutto con le nostre mani. In questo post voglio parlare della maionese fatta in casa.

La maionese è veloce e facile da preparare. Ha un sapore fantastico e puo essere di accompagnamento a molti piatti: pesce, insalata, hamburger, patatine e molto altro. Prepararla a casa è un’opzione molto più salutare, poiché non contiene conservanti ne prodotti chimici usati nella maionese comune acquistata al supermercato.

INGREDIENTI: (per circa 150gr di maionese)

  • 1 tuorlo a temperatura ambiente
  • Succo di 1/2 limone
  • 125 gr di olio di semi
  • 1 cucchiaino di aceto di vino bianco
  • 1,5 gr di sale
  • pepe q.b. (facoltativo)

Bene per la preparazione, mettiamo tutti gli ingredienti in una ciotola (o in un contenitore alto e stretto, se volete usare il mixer). Cercate di seguire questo ordine: tuorlo d’uovo, una piccola parte di succo di limone, olio, la parte rimanente del succo di limone, sale, pepe, e infine l’aceto.

Ok iniziamo con il tuorlo d’uovo e una parte del succo di limone e iniziamo ad emulsionare con una frusta (o emulsionamo con il frullatore ad immersione e accendiamolo a media velocità). Dopo pochi secondi il composto inizierà ad emulsionare e raggiungera’ quasi la consistenza di una maionese.

A questo punto versiamo l’olio di semi a filo e continuiamo ad emulsionare con la frusta (con il frullatore ad immersione, invece, muoviamolo su e giù per incorporare l’olio al composto) ricordandoci di usare solo il 50% dell’olio. Emulsioniamo ancora un po e sempre a filo e a piu riprese terminiamo di versare la parte rimanente del succo di limone e la parte rimanente dell’olio. Finito di emulsionare il tutto e infine aggiungiamo il sale, un pizzico di pepe e l’aceto. Facile, no? 🙂

N.B. vi consiglio di conservare la maionese in frigo e di consumarla entro tre giorni

Lemon Tea Cookies

Lemon Tea Cookies

BISCOTTI AL LIMONE (ITALIANO)

Shortbread, frolla, cookies, ladyfingers, grinders. The fresh smell of butter, the fragrance and the crunchiness under the teeth. The biscuits to be drenched in milk or to accompany an afternoon herbal tea are a pleasure.

Making cookies is one of my favorite way to spend time. Soft and fluffy biscuits with butter or dried biscuits with honey and almonds, With chocolate and flaky salt or to be dipped in coffee and ‘Passito’ (typical sweet Italian dessert wine), it is important that they are cooking well to avoid that time changes the crunchiness and taste.

Today I want to talk about one of my favorite recipes: lemon cookies. So simple and you will not believe how good they are! Crunchy on the outside, and chewy inside with an intense lemon scent, these biscuits are truly irresistible (I’m eating one right now). 😉

That’s my recipe ( 30 biscuits of 18 grams ea)

  • 100 gr butter (room temperature)
  • 80 gr caster sugar
  • 40 gr raw sugar (facoltative, instead you can use 120gr of caster sugar)
  • 1 large egg (50gr)
  • 1 organic lemon
  • 5 gr of salt
  • 300 gr of flour
  • 6 gr of baking powder
  • Caster sugar for the cover
  • Icing sugar for the cover

I start with the sugars and the butter, salt and lemon zest and mix these ingredients. Then I add the egg and the lemon juice and when the mixture is well mixed, I add the flour and the yeast. Mix all ingredients with your hand until the mixture forms a soft dough that leaves the side of the bowl and doesn’t stick to your hand. Cover it with some cleaning wrap and leave the dough to rest in the fridge for at least one hour.

15 minutes before the time runs out, I turned on the oven and point to 180 Celsius degree, or 356 F (non ventilated). Roll cookie dough into balls of 18 grams each. Pour caster sugar and icing sugar (the ones for the cover) into two different small dishes not too much larger than the size of your dough balls. Gently drop dough ball first into the bowl with caster sugar and then icing sugar, and swirl the dish around. The dough ball will slide around the dish and become coated on the bottom and up the sides.

Place the balls about 3cm apart on the lined trays with baking paper.

Cook for about 15 minutes or until the biscuits rise, are slightly cracked on top and are light golden underneath. Remove the biscuits from the oven and set aside to cool for about 3 minutes before using a spatula to transfer to a wire rack to cool completely. Enjoy! 🙂


Biscotti al Limone

Frollini, frolla montata, cookies, savoiardi, macine. Il profumo del burro, la fragranza e la croccantezza  sotto i denti. I biscotti da inzuppare nel latte o da accompagnamento ad una tisana pomeridiana, sono un piacere, una piccola festa che rallegra per istanti il palato.

Fare i biscotti è uno dei miei passatempi preferiti. Morbidi con il burro o secchi con miele e mandorle, con il cioccolato e il sale o da tuffare nel caffe’ e nel passito, è importante che la loro cottura sia fatta a regola d’arte per evitare che il tempo ne modifichi la croccantezza e il gusto.

Oggi voglio parlare di una delle mie ricette preferite: i biscotti al limone . Così semplici da realizzare al punto da non credere a quanto siano buoni!

Croccanti all’esterno, dal cuore morbido e dal profumo intenso di limone, questi biscottini sono davvero irresistibili (ne sto mangiando uno proprio adesso). 🙂

Provare per credere!

Questa la mia ricetta ( per 30 biscotti da 18 grammi):

  • 100 gr burro a temperatura ambiente
  • 80 gr zucchero semolato
  • 40 gr zucchero di canna (facoltativo, rende i biscotti piu’ morbidi all’interno, ma in alternativa potete usare 120 gr di zucchero semolato)
  • 1 uovo medio (circa 50gr)
  • 1 limone
  • 5 gr di sale
  • 300 gr di farina
  • 6 gr of lievito per dolci
  • Zucchero semolato e Zucchero a velo per la copertura

Ho lavorato a mano gli zuccheri con il burro, il sale e la buccia grattuggiata del limone. Ho unito l’uovo e il succo del limone e quando il composto si è ben amalgamato, ho aggiunto la farina e il lievito .

Ho impastato fino a ricavarne un panetto. Ne ho fatto un rettangolo che ho impellicolato e lasciato riposare in frigo per un’oretta.

Trascorso il tempo di riposo , ho acceso il forno a 180 gradi (non ventilato) e formato con l’impasto delle palline di 18 grammi. Ogni pallina va rotolata prima nello zucchero semolato, poi in quello a velo .

Ricoperte di zucchero, le ho  disposte sulla teglia foderata con carta da forno, leggermente distanti tra lor , data la presenza di lievito che ne aumenterà il volume in cottura.

Ho tenutoi biscotti in forno non più di 13 minuti, per evitare che scurissero. Al momento di sfornare ho notato sulla superficie tante piccole crepe, caratteristica peculiare assieme al profumo e alla morbidezza di queste piccole delizie.  ATTENZIONE !!!  Creano dipendenza! 😉

Basil Pesto

Basil Pesto

PESTO DI BASILICO (ITALIANO)

In this post I want to talk about an aromatic plant as simple as it is complex, one of my favorites and the one that can never be missing at home and in our kitchen: the Basil.

What is it? The Basil is an annual herbaceous plant and is also one of the most cultivated plants in our country (talking about Italy). It is an aromatic plants, with an intense aroma and many benefits. It belongs to the Lamiaceae family and can, as already mentioned, be cultivated all year round. It must be kept in mind, however, that temperatures below 10 Celsius degrees cause a rapid deterioration of it.

It was born in Asia and reached Europe centuries later. The variety we commonly use at home is just one of the many we all know. For example, people in Italy use a kind of basil sweet and of a delicate taste, the one with large leaves. The basil is also a key part of the Eastern cuisine. They use a kind of basil which tends to have a spicy and a lemon aroma. In other European countries, such as France, they use a much smaller basil with small leafs. There are many types of it, but all of them differ from the bright green color (although there are varieties of basil tending to purple and black), smooth leaves with small veins. It is a plant that has many beneficial properties, which are above all anti-inflammatory and antibacterial. It can also contribute to the proper functioning of the stomach and digestion.

It contains Vitamin A and Vitamin B and is made up of 92% water.

My advice? If you want that the basil preserves its vitamins, consume it raw. I often use the basil as an aroma in salads, cutting it finely into julienne or just “chopping it” with my hands, in order to give that intense and pleasant taste to every bite; it can be match with a pizza or can be used for a base of an homemade ice-cream. As a good Italian, I use it to prepare a good and healthy basil pesto. Who doesn’t like it? I can assure you that the fresh pesto made with fresh basil (especially with mortar) has a completely different flavor, compared to the more expensive already packaged ones.

The Basil is the leader of the aromatic herbs used in the kitchen. It also goes well with a freshly tomatoes salad, eggplants, potatoes or strawberries. In addition, it is also very used in aromatherapy. In fact, basil is used to create a powerful oil capable of curing physical and emotional stress. Well, I could go on writing about the Basil, from its infinite uses to its effective benefits. But, for the moment, I’d stop here and leave you a very simple pesto recipe that you can make at home.

Basil Pesto

  • Servings: 2x
  • Difficulty: Facile
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Basil pesto can be used as an accompaniment to many roast dishes but it also tastes delicious stirred through a nice bowl of pasta.

INGREDIENTS:

  • 50 gr Organic Basil leaves
  • 1 garlic clove
  • 30 gr of pine nuts
  • 60 gr of Parmesan Cheese
  • 30 gr of Pecorino Cheese
  • 90 ml of Extra Virgin Olive Oil
  • a pinch of salt (on taste)

Let’s start the preparation.

It is very simple. I used the mortar, because as I said I prefer it but you can also use a mixer at home.

Let’s start by pick the basil, washing the leaves and drying them as soon as we can, otherwise the water will have an advers effect on the basil. I start pounding garlic, pine nuts and a pinch of salt, until they are creamy. Then I add the basil leaves and keep pounding it.

You will see that the basil will begin to release its essential oils and the creamy mix that had previously formed will begin to transform in a bright green color.

At this moment add the two cheeses and continue to pound all the ingredients together. When the mix is creamy and well crushed, add the olive oil and continue to mix it.

After few minutes we have obtained a good, fresh and genuine pesto in few moments.

Easy right? Sometimes we spend more time saying something than doing it. Obviously you will see that if you do it often, you will acquire good manual skills, and the next time there will not even be a need to weigh the ingredients anymore, but you will go ‘to the eye’.

Do not forget, Another important rule to cooking with pesto: don’t cook it.

All the charm of pesto is dependent on its fresh, raw flavor. Heat, and in particular prolonged exposure to high heat, is just about the worst thing for it. As a good Italian I like to use pesto with Pasta. In this occasion I choosed the Spaghetti of De Cecco. That’s the result! Enjoy!

What do you use pesto with?

PESTO DI BASILICO

Eccoci qui. Stavolta sono io, Pasquale, che mi cimento a scrivere un post. Non sono un bravissimo scrittore, ma cerchero’ di farlo bene, seguendo i consigli di Michela.

In questo post voglio parlarvi di una pianta aromatica tanto semplice quanto complessa, una tra le mie favorite e che non puo mai mancare a casa e nella nostra cucina: il Basilico.

Che cos’e’ il basilico? Il basilico e’ una pianta erbacea annuale che al giorno d’oggi viene coltivata anche a casa ed inoltre e’ una delle piante piu coltivate nel nostro Bel Paese. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e puo, come gia’ detto, essere coltivata tutto l’anno. Bisogna tenere a mente, pero, che le temperature sotto i 10 gradi C ne causano un rapido deperimento. E’ una pianta aromatica versatile, da un profumo intenso e dai tanti benefici.

Nasce in Asia ma raggiunge l’Europa solo secoli dopo. La varieta’ che comunemente usiamo a casa, e’ solo una delle poche a nostra conoscenza. Per esempio, in Italia usiamo piu’ comunemente il basilico dolce e delicato, quello a foglia larga. In Asia, invece, si utilizza una specie di basilico che tende ad avere un’aroma speziato e quasi di limone. In altri paesi d’Europa, tipo Francia, si usa un basilico dalla foglia molto piu’ piccola. Ne esistono davvero tante tipologie, ma quasi tutte si distinguono dal colore verde acceso (anche se esitono varieta’ di basilico tendenti al viola ad al nero), foglie lisce e con piccole venature. E’ una pianta che ha molte proprieta’ benefiche, soprattutto antinfiammatorie e antibatteriche. Inoltre puo contribuire al corretto funzionamento dello stomaco e della digestione.

Contiene vitamina A e Vitamina B ed e’ formato dal 92% di acqua.

Un consiglio? Se volete che il basilico mantenga al meglio il proprio contenuto vitaminico, consumatelo da crudo. Io lo uso spesso come aroma nelle insalate, tagliandolo finemente a julienne o ‘spezzettandolo’ con le mani, in modo da donare un profumo intenso e piacevole ad ogni boccone. Puo’ essere utilizzato per accompagnare una pizza e perche’ no come base di un ottimo gelato in pasticceria. Un altro efficace utilizzo, da buon Italiano, potrebbe essere quello di preparare un bel pesto di Basilico. A chi non piace? Vi assicuro che il pesto fatto col basilico fresco (magari al mortaio) ha tutto un altro sapore, rispetto anche a quello piu costoso gia confezionato.

Il basilico e’ il leader tra le spezie aromatiche usate in cucina. Si sposa benissimo anche con un’insalata di pomodori, delle melanzane, patate o fragole. Inoltre, larga e’ la sua diffusione nell’aromaterapia. Infatti, viene utilizzato per creare un potente olio in grado di curare stress fisico ed emotivo. Beh, potrei dilungarmi davvero tanto su quest’erba aromatica, dai suoi infiniti utilizzi ai suoi efficaci benefici. Ma, per il momento, mi fermo qui e vi lascio una ricetta molto semplice di pesto da fare a casa.

Pesto di basilico.

  • Servings: 2x
  • Difficulty: Facile
  • Rating: ★★★★★
  • Print

Il pesto di basilico, salsa tipica della cucina tradizionale ligure, può essere preparata da tutti durante la stagione estiva in modo da conservare il basilico e utilizzare la salsa per molte preparazioni durante l’inverno.

INGREDIENTI:

  • 50 gr foglie di basilico
  • 1 spicchio di aglio
  • 3o gr di pinoli
  • 60 gr di Parmigiano Reggiano
  • 30 gr di Pecorino (Pecorino Sardo magari)
  • 90ml di olio di oliva extra vergine
  • un pizzico di sale

Io ho utilizzato il mortaio, perche’ come vi dicevo lo preferisco, ma voi potere usare anche un mixer.

Iniziamo con lo sfogliare il basilico, lavarne le foglie ed asciugarle velocemente, in quanto l’acqua ossida le foglie di basilico che potrebbero scurirsi in un batter d’occhio. Parto pestando aglio,  pinoli ed aggiungo un pizzico di sale, fino ad ottenere una ‘crema‘. Aggiungo le foglie di basilico e pesto (scusate il gioco di parole) anche quello.

Vedrete che il basilico comincera’ a rilasciare i suoi oli e la “cremina” o ‘pasta’ che si era formata in precedenza, comincera’ a diventare di un verde acceso. Adesso aggiungete i due formaggi e continuate a pestare il tutto. Quando la ‘pasta’ sara’ densa aggiungiamo a filo l’olio di oliva.

E cosi avremmo ottenuto un pesto buono, fresco e genuino in pochissimo tempo.

E’ un gioco da ragazzi, vero? A volte spendiamo piu tempo a dire una cosa che a farla. Ovviamente vedrete che facendolo spesso, quindi acquistando manualita’, non ci sara’ bisogno di pesare gli ingredienti, ma andrete ad ‘occhio’, come si suol dire.

altra regola importante da ricordare quando si cucina con il pesto: non cucinatelo!

Mi spiego meglio. Il pesto e’ di per se un condimento gia pronto, non va in alcun modo riscaldato. Tutto il suo charme sta nella sua freschezza, e nel suo crudo sapore. La prolungata esposizione ad alte fonti di calore, puo solo peggiorare la vostra preparazione ed, in questo caso, andrebbe a pregiudicare la freschezza del nostro pesto.

Io ho utilizzato il Pesto come condimento ad un bel piatto di Spaghetti De Cecco. Questo e’ il risultato. Buon Appetito!

E voi che tipo di pasta preferite con il pesto?

Fuji Apple Cake

Fuji Apple Cake

TORTA DI MELE FUJI (ITALIANO)

If I had to think of a dessert that reminds my childhood, I would choose the apple cake without thinking twice. A classic one that is by no means trivial, which makes its simplicity a ‘weapon’ that conquers both young and old people.

I think of my mother while she was preparing it without using the scale. If I had to make it a dessert without scale today, the result would be a disaster. “It’s the experience that matters” she said satisfied, claiming that it’s the dough that let you understand how many grams of flour, butter or eggs its needs. With great skills and safety she used the ingredients one after the other, sugar and butter, cinnamon and eggs, flour and baking powder. She then cut the apples into cubes and magically after 35 minutes she always pulled out the same cake from the oven, demonstrating that have experience is the secret rule. And that would have been the snack after homework or every morning for breakfast.

There are infinite varieties of apples in the world, almost a thousand and each has its own characteristics and properties. But at the super markets we find, more or less, always the same: the Fuji, the Pink Lady, the Granny Smith, Golden Delicious and Stark Delicius.

There are many ways to prepare an apple cake and we’ll choose the type of apple depending on the result we want to achieve.

For strudel or soft apple pies, for example, the Stark Delicious is a good choice: its pulp is rich in juice and very softens, Granny Smith, that It is named after Maria Ann Smith, ‘who propagated the cultivar from a chance seedling’, It has low sugar level and it is very fresh and acidulous. It is used for preparation like classic pie with pate brisee or puff pastry. Freshness and acidity is also the peculiar characteristics of the lady of the counter, the Pink Lady.

My favorite ones are the Fuji Apples. Their pulp is sweet, crunchy and juicy. Rich in vitamin C, this apple comes from Japan and has the ability to contrast cell aging and lower cholesterol. So they are good for the health, and stomach as well 😉 !

At the end, It’s important to know that most of the apple nutrients are on the apple skin. Therefore biological choice is preferable.

Here my recipe:

  • 100 gr of sugar
  • 100 gr of eggs
  • 80 gr of soften butter
  • 25 gr potato starch •
  • 70gr of flour
  • 3 Fuji apples (one for decoration)
  • 6 gr of baking powder
  • 5 gr of salt
  • 1 gr of ground cinnamon

First thing to do, guess? Pre-heat the oven! 180 degrees C, 356°F

After washing the apples, I cut them into cubes, approximately 1cm X 1cm (you don’t need to be so accurate, we are not building an house). I like to keep the apple skin as well, where it retains nutrients and gives an acidity touch to the cake that I like it. I leave the apple cubes in water and a bit of lemon juice so they do not oxidize. And in meantime we sift flour, starch and yeast all together. Then I add salt and cinnamon with the soften butter and the sugar. I add the eggs and then the diced apples and the powders. I work the mixture with a spatula and put it into a mold that I have already greased and floured ( In this case I am using a Plum Cake mould).

I like to use an apple as decoration: I cut it in very thin slices, I place them on the surface of the cake and in the end I put some sugar to get a crust. Bake the cake for about 35 minutes and always rely on the toothpick test to check the heart of the cake. Let it cooling down, sprinkle with icing sugar and.. Enjoy!I

I love to match the apple cake with sour cream and a cup of green tea.

What dessert brings you back your childhood? 🙂

TORTA DI MELE FUJI

Se dovessi pensare ad un dolce che reppresenti la mia infanzia, sceglierei senza pensarci due volte, la torta di mele. Un classico per niente banale, che fa della sua semplicità, un’arma che conquista sia grandi che piccini.

Penso a mia madre mentre la preparava, così come san fare le mamme, un pò ad occhio senza usare la bilancia. Se dofessi farlo io un dolce “ad occhio”, il risultato sarebbe un disastro. “E’ l’esperienza che conta”, mi diceva soddisfatta, sostenendo che era l’impasto a farti capire quanti grammi di farina, di burro o il numero di uova di cui aveva bisogno. Con maestria e sicurezza usava gli ingredienti uno dopo l’altro, zucchero e burro, cannella e uova, farina e lievito per dolci. Tagliava poi le mele a cubetti, non precisissimi, ma tanto qualche cubetto più grande non avrebbe pregiudicato la riuscita del dolce. E come per magia, quasi a non crederci, dopo 35 minuti tirava fuori dal forno sempre la stessa torta, a riprova del fatto che l’esperienza la fa da padrona. Il tempo di stemperare e la profumata e dorata torta di mele, con la sua bella crosticina di zucchero, sarebbe stata lo spuntino dopo i compiti o la colazione.

Anche io ho sempre amato fare questa torta, non solo per la sua semplicità e bontà, ma sopratutto per il risultato che si viene a creare dalla scelta di una mela piuttosto che un ‘altra.

Ci sono infinite varietà di mele al mondo, circa mille ed ognuna ha le sue caratteristiche e proprietà. Ma in vendita dal fruttivendolo e/o al supermecato esposte nei banchi troviamo più o meno sempre le stesse: le Fuji, le Pink Lady, le Granny Smith, Golden Delicious e Stark Delicious.

Esistono molti di modi per preparare una torta di mele ed, a seconda del risultato che vogliamo ottenere, sceglieremo la tipologia di mela adatta. Per strudel o torte di mele soffici, ad esempio, la Stark Delicious , rappresenta una scelta azzeccata: la sua polpa ricca di succo si ammorbidisce al punto da sciogliersi in bocca. La Granny Smith, che prende il suo nome da nonna Smith che l’ha scoperta, ha pochissimo zucchero, è molto fresca e acidula. E’ da preferire nella preparezione della classica Pie con pasta brisee o sfoglia. Freschezza e acidità sono le caratteristiche peculiari anche delle signorine del banco , le Pink Lady.

Per quanto mi riguarda, le mie preferite sia nella realizzazione di dolci, sia da mangiare come spuntino, sono le mele Fuji. La loro polpa è dolce, croccante e succosa. Ricca di vitamina C, questa mela proveniente dal Giappone ha la capacità di contrastare l’invecchiamento cellulare e abbassare il colesterolo. Oltre che buona per lo stomaco lo è anche per la salute insomma!

Come tutte le mele però, è bene sapere che la maggior parte dei nutrienti si trova nella buccia dunque è preferibile la scelta biologica.

Questa e’ la mia ricetta:

  • 100 gr zucchero (io preferisco quello di canna perchè meno lavorato)
  • 100 gr uova
  • 100 gr burro morbido
  • 25 gr fecola di patate
  • 70 gr farina (con un basso quantitativo proteico)
  • 3 mele Fuji (una da tenere come decorazione)
  • 6 gr lievito per dolci
  • 5 gr di sale
  • 1 gr di cannella in polvere

Prima cosa da fare? Chi indovina? Accendo il forno! 180 gradi statico oppure 160 gradi ventilato .

Dopo aver lavato le mele,  le taglio a dadini, orientativamente 1 cm X 1 cm, (ma non stiamo costruendo una casa. La precisone ci piace ma dobbiamo anche divertirci!) Io preferisco tenere la buccia, nella quale risiedono la maggior parte dei nutrientie e che conferisce alla torta un tocco di acidità in piu che mi piace tanto. Lascio i cubetti di mela in acqua e limone per evitare che si ossidano. In una bowl setaccio farina, fecola e lievito . Sale e cannella li lavoro con il burro morbido e lo zucchero. Una volta iniziato a lavorare il composto (con la foglia se sto usando la planetaria) aggiungo le uova. Quando il composto risuta omogeneo unisco le mele a cubetti (scolate e asciugate) e le polveri. Lavoro il composto con una spatola fin quando non è tutto amalgamato e lo verso nello stampo che ho già imburrato e infarinato. (io in questo caso ho scelto lo stampo da plum cake).

A me piace usare una mela come decorazione: ne ricavo delle fettine molto sottili, le dispongo sulla superficie del dolce ed infine ci spolvero una manciata di zucchero  semolato per ottenere una crosticina croccante.

Inforno per circa 35 minuti (ma  in questo caso mi affido alla prova stecchino per controllare l’effettiva cottura della torta).

Aspetto  che si raffreddi, spolvero con zucchero a velo e… il gioco è fatto! Io adoro accompagnarla con della panna acida ed una tisana calda .

Qual è per voi il dolce dell’infazia?

Italian Focaccia

Italian Focaccia

LA FOCACCIA (ITALIANO)

‘What’ll we talk about?’ Well, food in the first place.

But also sensations and memories, emotions. We all have memories related to what we eat daily: our mother who prepares our birthday cake, the first time we prepared the cookies; or when we went to live alone and we found out that the greatest difficulty of being adults was to deciding what to cook for lunch, and then again for dinner and then everyday! A real nightmare! Indeed many times it is a problem for us too! Then let’s be clear, cooking at home that is for one, two people or the whole family is totally different from doing it on a professional level.

Time, spaces and equipment are completely different. That’s why, cooking at home is stressing you out. Let’s clarify one thing, (It might be not very evident): I love food, in all its forms and shapes but I don’t really like to cook “salty food“. My passion and my job is the creation of cakes, desserts, baked food such as bread, focaccias and pizzas, (now do you understand why i’m with a chef?). 🙂

i don’t like the smell of garlic and onion that persist on the hands and even less handle the raw meat or raw fish. No, I am not vegetarian. Unfortunately I belong to a category of carnivores but I give all my respect for Vegans and Vagetarians people who lead a much more ethical lifestyle than mine. Could we add healthy too? It is a big debate too open but this is an argument that we will certainly face and we’ll talk about the importance of free-from and vegan food and the impact and the diffusion that is having on the modern population.

In these days, however, ‘forcing’ of not being able to go out, the need to reinvent yourself or the discovery of new possible interests, we found ourselves with a lot of free time and a reduced budget due to the lack of a job. We live in one of the most expensive cities in the world (for the uninitiated, Sydney) where work allows you to have an adequate life style. But Pasquale has lost his job and I still hadn’t found one that interested me before the crisis. So without any further ado, during this hard times, we have decided to not buy anymore products like bread or focaccia or pizza but to make them at home.

Difficulty 1: it is almost impossible to find the flour …

Difficulty 2: Same for the yeast. And if you are lucky enough to find it, it is the dehydrated one. I personally don’t like it. Obviously if i had the freedom of choice I’d choose the mother yeast (or sourdough), But I guess that’s what we should go with.

Difficulty 3: We live with another couple with whom we share the kitchen. They are very nice person with an extreme passion for fitness: most of the time they eat baked food !!! (So we have to share the oven 😕 ) …mmh.

Anyway we don’t give up and after long lines at the supermarket and long walks with mask and gloves (since we prefer not to use public transport during this CoronaVirus time) we find the last bag of flour good for baking. Yayy!

Now, the first thing we try to make is the Italian Focaccia. Really simple recipe, that anyone can make with just four ingredients: flour, oil, sugar and yeast.

Ok, hands-on and let’s get started!

We prepare all the ingredients in a schematic and orderly manner. We arrange all the ingredients in order of use: first the flour, then the water in which we previously dissolved the yeast and then the sugar in order to activate the first one. I begin to knead and feel the dough growing under my hands. The ingredients, at the beginning separated, start now to become a single round and an elastic dough. Then I add the salt and I continue working with it, ( Of course with a Kitchen Aid or a ‘mixer it’d have been very easy.. but what’s the point of it? 😉 ) I let it rest and in meantime Pasquale starts to prepare the brine: salt, water and olive oil. Very easy!

We leave our dough to rise for about 30 minutes, and then after we lay the dough in a well-oiled pan; I spread over the brine and create the dimples using the fingers of my left hand (I am left-handed 🙂 ).

Italian focaccia dough with Brine.

I let it rise again for 30 minutes. Set the oven at 220 Celsius degrees for about 25 minutes ‘et voila’! The focaccia is ready!

Italian Focaccia Homemade

And anyway the focaccia lasted less than the time taken to make it! 🙂

Here my recipe:

Ingredients:

– 500 gr of flour

– 225 gr of water

– 45 gr extra virgin olive oil

– 20 grams of dehydrated yeast

– 10 gr salt

– 5 gr of sugar

For the Brine:

– 25 gr hot water

– 25 gr extra virgin olive oil

– 8 gr of salt


Focaccia

Di cosa parliamo? Bè, cibo in primis. Ma anche sensazioni e ricordi . Emozioni insomma.

Tutti noi abbiamo ricordi legati a cosa mangiamo : la mamma che prepara la tua  torta di  compleanno, la prima volta che hai preparato i biscotti, quando sei andato a vivere da solo e hai appurato che la difficoltà piu grande dell’essere adulti stesse nel decidere cosa cucinare per pranzo, e poi ancora per cena e poi per tutti i giorni! Un vero incubo!   

Non ho soluzioni a tal proposito, anzi, tante volte è un problema anche per noi! Poi parliamoci chiaro cucinare a casa che sia per una, due persone o l ‘intera famiglia è totalmente diverso dal farlo a livello professionale.

Tempi, spazi e attrezzature sono del tutto diversi al punto che quando sei a casa ti secca anche un pò dover preparare da mangiare. Ragazzi chiariamo una cosa, credo non molto evidente: io adoro il cibo, in ogni sua forma e provenienza ma, tranne nella manipolazione e creazione di torte, dessert, prodotti da forno quali pane, focacce e pizze, non amo cucinare cose salate (adesso avete capito perchè sto con uno chef? 😉 ).

Non amo l’odore di aglio e cipolla che persistono sulle mani ne tantomeno toccare carne; non voglio dire che non mangio carne. Purtroppo appartengo ad una categoria di carnivori irreversibili. Ma tutto il mio rispetto va alle persone Vegane e Vegetariane che conducono uno stile di vita molto più etico del mio. Potremmo aggiungere salutare? Dibattito troppo aperto, ma è un agomento questo che affronteremo certamente, data l ‘importanza del cibo free-from e vegan e  l’incidenza e la diffusione che sta avendo sulla popolazione moderna.

In questi giorni però, vuoi la forzatura di non poter uscire, l’esigenza di reinventarsi e/o la scoperta di nuovi possibili interessi, ci siamo ritrovati con tanto tempo libero e un budget ridotto dovuto alla mancanza di un lavoro al momento. Viviamo in una delle città più care al mondo dove certo, il lavoro ti permette di avere uno sile di vita adeguato ma, se non si fosse ancora capito, (ironia portami via) Pasquale ha perso il lavoro ed io ancora non ne avevo trovato uno che mi interessasse prima della crisi. Comunque, torniamo a noi… Per esseri brevi, abbiamo deciso di non comprare piu lievitati, pane, focacce o pizza ma di farle a casa, nesse e connesse le difficoltà.

Diffioltà 1: la farina non si trova. E loro vogliono fare il pane…parliamone..

Difficoltà 2: il lievito va a ruba ma quando lo trovo è quello disidratato. A me personalmente non piace. Ovviamente se avessi libertà di scelta opterei per un lievito madre.

Difficoltà 3: Viviamo con due coinquilini con i quai dividiamo la cucina. Sono bravissimi ragazzi con la passione estrema del fitness: mangiano solo cibi cotti al forno!!! (Quindi dobbiamo condividere anche il forno… Pasquale mi faceva notare che forse non era molto chiaro!). 🙂

Ma noi non ci facciamo abbattere e dopo lunghe file al market e lunghe passeggiate con mascherina e guanti, dato che preferiamo non usare i mezzi pubblici, troviamo l’ultimo pacco di farina.

La prima cosa  che abbiam provato è la focaccia. Ricetta davvero semplice, replicabile a casa da chiunque abbia farina, olio e lievito. La troverete alla fine dell’articolo.

Ok, mani in pasta e si comincia!

Prepariamo le pesate con fare schematico ed ordinato. disponiamo tutti gli ingredienti in ordine di utilizzo: prima la farina, poi l’acqua, nella quale abbiamo precedentemente sciolto il lievito, e poi lo zucchero in modo da attivare il primo. Inizio ad impastare e a sentire l’impasto nascere sotto le mie mani. Gli ingredienti, dapprima separati, diventano una massa unica rotonda, sempre piu elastica. Aggiungo il sale e continuo a lavorare la massa, sempre piu resistente, lavoro fino ad incordarla per bene. Certo, con un’impastatrice sarebbe stato un gioco da ragazzi ma poi dov’è il divertimento? Lascio riposare e intanto Pasquale prepara la salamoia: acqua, sale e olio d’oliva .

Lasciamo lievitare la nostra pallina per circa 30 minuti, trascorsi i quali, stendiamo l’impasto in una teglia ben oleata. Spalmo sopra la salamoia e creo le fossette utilizzando anulare, medio e indice della mano sinistra (io sono mancina) .

This image has an empty alt attribute; its file name is focaccia1.jpg
Procedura di stesa focaccia e salamoia.

Lascio lievitare ancora 30 minuti. Imposto il forno a 220 gradi per circa 25 minuti et voilà ! La focaccia è pronta! Il forno è piccolo ma potente ! Bene ci sarà da divertirsi!

This image has an empty alt attribute; its file name is whatsapp-image-2020-03fefef-31-at-5.03.48-pm.jpeg
Focaccia cotta al forno.

E comunqe la focaccia è durata meno del tempo impegato per farla! 🙂

Ecco qui la mia ricetta:

Ingredienti :(Di solito uso questa dose per un teglia 30×40)

  • 500 gr  farina. Preferibilmente con un valore proteico alto
  • 225 gr acqua
  • 45 gr olio extra vergine di oliva
  • 20 grammi lievito di birra o lievito compresso ( in caso si voglia utilizzare il lievito disidratato, usarne 1/3)
  • 10 gr sale
  • 5 gr di zucchero

Per la salamoia:

  • 20 gr acqua calda
  • 25 gr olio extra vergine di oliva
  • 8 gr di sale

*Cover Image from ricette-bimby.com